Lunedi, 21 agosto 2017 ore 04:36  feed rss facebook twitter
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
POLITICA

In CamCom si lavora per uno sviluppo condiviso dei porti di Taranto e Crotone

La riforma delle autorità portuali sta procedendo verso un sistema che incentiva le aggregazioni – spiegano i Presidenti degli Enti camerali di Taranto e Crotone Luigi Sportelli e Alfio Pugliese

In-CamCom-si-lavora-per-uno-sviluppo-condiviso-dei-porti-di-Taranto-e-Crotone
Lunedì 07 Agosto 2017 - 12:0

riceviamo e pubblichiamo:

Intraprendere una collaborazione che favorisca i traffici di merci e passeggeri nel mar Ionio. Questo l’obiettivo dell’incontro svoltosi lo scorso 31 luglio presso l’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio con sede in Taranto.

All’incontro erano presenti il Consigliere di Giunta della Camera di Commercio di Taranto Luca Lazzaro, il Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio Sergio Prete; il Presidente e il Consigliere della Camera di Commercio di Crotone con delega alle infrastrutture rispettivamente Alfio Pugliese e Francesco Lagani, nonché Piero Castelliti e Marco Tricoli in rappresentanza degli imprenditori con interessi sul porto.

La riforma delle autorità portuali sta procedendo verso un sistema che incentiva le aggregazioni di più porti a livello regionale ed extraregionale – spiegano i Presidenti degli Enti camerali di Taranto e Crotone Luigi Sportelli e Alfio Pugliese – in tal senso è stata costituita l’Autorità portuale del Sud Tirreno composta da Gioia Tauro e Messina con vocazione territoriale sul versante tirrenico, mentre per quanto riguarda lo Ionio permane solo quella con sede in Taranto. Visti gli attuali investimenti per la viabilità, in particolare sul tratto Sibari-Roseto Capo Spulico, e per le ferrovie, saranno facilitati e incentivati gli spostamenti di persone e cose tra Calabria, Basilicata e Puglia. Per tale motivo le Camere di commercio di Taranto e Crotone, unitamente all’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio, intendono avviare una collaborazione che incentivi il traffico di merci e passeggeri sul versante Ionico”.

L’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio ha quantificato in 500 milioni di Euro gli interventi infrastrutturali programmati ed in parte già realizzati. Considerando che il porto di Taranto è a forte vocazione industriale e commerciale, mentre Crotone ha una portualità maggiormente orientata verso il turismo e il diportismo, emergono i margini per una integrazione proficua e vantaggiosa per entrambi i territori. Da più fronti emerge la necessità di superare i campanilismi per lanciare il versante Ionico come un unico brand, anche in considerazione che vi è la disponibilità delle amministrazioni comunali e provinciali a sviluppare e rafforzare politiche economiche condivise a beneficio del territorio, promuovendo le caratteristiche distintive e, al contempo, valorizzando le complementarietà – concludono i presenti - tale incontro va in questa direzione e, siamo certi che, lavorando in tal senso, attuando una pianificazione congiunta delle attività dei porti di Crotone e Taranto, ne beneficerà tutto il Sud”.

 

UFFICIO STAMPA -ufficio.stampa@kr.camcom.it 




ULTIMISSIME
CrotoneInforma.it
CrotoneInforma.it