Quantcast

Le rubriche di Crotone Informa - Sanita' E Salute

Prevenzione oncologica, presentato il report finale del progetto Lilt La scuola della salute

Progetto al via un anno fa, ha coinvolto cinque sezioni della Lilt, con la partnership dell'Asp di Crotone, del Gal Kroton e di Slowfood Crotone

Più informazioni su


    riceviamo e pubblichiamo:

    Cambiare le cattive abitudini alimentari dei bambini e prevenire l’ insorgere delle malattie si può, grazie alla Lilt. Stamani, nell’auditorium 
    dell’Ic  Alcmeone, la sezione provinciale di Crotone della Lilt, Lega tumori, ha presentato il report finale del progetto di ricerca, approvato dal bando della Lilt per il 5×1000, e dal Ministero della Salute, denominato “La scuola della 
    salute”.
    Il progetto di ricerca, che ha preso il via un anno fa, ha coinvolto cinque sezioni della Lilt ( CROTONE, capofila, Bari, Barletta- Andria- Trani, 
    Reggio Calabria e Vibo Valentia), con la partnership dell’Asp di Crotone, del Gal Kroton e di Slowfood Crotone e  ha interessato due regioni (Puglia e Calabria).
    “In tutto,  nel processo di cambiamento delle cattive abitudini alimentari, sono stati interessati 300 giovani – ha spiegato il presidente provinciale della Lilt, Damiano Falco – per lo più della scuola primaria, che hanno beneficiato gratuitamente del progetto, 180 calabresi e 120 pugliesi. Un percorso che ha coinvolto i ragazzi, le loro famiglie e tutta la comunità scolastica di appartenenza”. A Crotone hanno aderito al progetto, partito un anno fa le scuole elementari Alcmeone, Alfieri e Margherita.
    Tante le innovazioni messe in campo dalla Lilt. “L’intervento di formazione di docenti e genitori – ha sottolineato Patrizia Pagliuso, vicepresidente Lilt Crotone e coordinatrice del progetto – è stato affidato ad una task force interregionale composta da psicologi, biologi e/o nutrizionisti. Mentre l’intervento pensato sui bimbi è stato pensato anche come un’attività di agricoltura sociale. Sono stati, in gran parte, gli agricoltori, trasformati dalla Lilt in operatori della salute, a guidare i giovani in un percorso sano e genuino alla scoperta di antichi sapori salutari”. 
    “L’intero percorso, inoltre – ha aggiunto Giuliana Spagnolo, statistico per Demos ricerca e sviluppo di Como – è stato monitorato attraverso dei diari, somministrati alle famiglie per 5 mesi, che hanno riportato quotidianamente le abitudini alimentari dei bambini all’interno non solo della scuola ma anche delle mura domestiche, instillando in loro nuove buone prassi alimentari e l’abbandono di malsane abitudini nel medesimo ambito”.
    Alla fine del progetto i risultati non sono mancati. “Nell’arco dei 5 mesi, è apparso evidente – ha osservato Emilio Greco, sociologo, Università La Sapienza, Roma – che nei territori in cui il progetto ha subito meno “caduta” sul campione, il consumo dei cibi “killer”, soprattutto merendine e bibite gassate, sia stato in buona parte soppiantato dai cibi salvavita, latte e frutta, di conseguenza, la distribuzione dei pasti e le modalità del consumo degli stessi sono via via mutate. Il lavoro di squadra messo in campo dalle sezioni aderenti della Lilt, Asp, Gal Kroton Slowfood e mondo della scuola ha così consentito di modificare le cattive abitudini alimentari dei ragazzi, 
    prevenire l’obesità infantile e i fattori di rischio oncologici”.
    Sono intervenute alla presentazione del report finale la vicesindaco, Antonella Cosentino, che ha ribadito che il mondo della scuola deve essere “un presidio fondamentale per l’educazione alla salute” e si è complimentata per l’impegno della Lilt nel nostro territorio, Antonella Romeo, dirigente scolastico Ic Alcmeone, Roberta Marino, referente per l’Ic Alfieri, Mariangela Crudo, referente scuola elementare Margherita e Debora Mandica, dietista Lilt Crotone.

    Più informazioni su