In Brasile un Direttore Calabrese

Sarà Mario Leotta, a dirigere il “Concerto Italiano”; omaggio a Ottorino Respighi

Più informazioni su


    A conclusione del programma culturale 2019, l’Ambasciata d’Italia a Brasilia, in collaborazione con l’Orchestra Sinfonica del Teatro Nazionale Claudio Santoro (OSTNCS), presenta il 3 di Dicembre “Concerto italiano“. Un evento che celebrerà, Roma, nella lettura di un grande compositore, Ottorino Respighi, in occasione del 140° anniversario della sua nascita a Bologna (1879-1936).
    Questo concerto nasce della collaborazione tra il Segretariato per la Cultura e l’Economia Creativa e l’ambasciata italiana.

    Portare il lavoro di Respighi è una soddisfazione, soprattutto per l’estrema qualità e vivacità delle sue composizioni“, questo quanto detto dal direttore della sinfonia, Claudio Cohen, che, in occasione del concerto, passerà il testimone al collega italiano Mario Leotta.

    Il direttore d’orchestra Leotta, parlando di Respighi ha affermato “E’ uno dei più importanti e apprezzati compositori italiani del 900. Tuttavia, è ancora poco conosciuto. Ha una grande personalità e merita una maggiore visibilità“.
    Respighi, fu compositore, direttore d’orchestra, musicologo, professore universitario, violista, chitarrista e pianista, del tardo romanticismo. Il programma della serata prevede tre suoi brani: “Pini di Roma”, “Gli uccelli” e “Suite n.3 in vecchio stile”.

    A proposito del suo primo viaggio in Brasile, il direttore Leotta, ha poi aggiunto: “ho l’impressione di un popolo meraviglioso, che mi ricorda le regioni meridionali d’Italia. Vengo dalla Calabria e le persone sono molto simili a quelle brasiliane, ospitali e appassionate. Sono felice di essere qui e spero di poterci tornare”.
    Il concerto chiuderà quello che è il programma culturale 2019.

    Il maestro italiano Mario Leotta è l’ospite d’onore della notte. La sua storia, a distanza di oltre un secolo, ha molte coincidenze con la storia di Respighi. Leotta si è laureato come violinista e violista e ha lavorato come strumentista in molti teatri in Italia. La sua immensa passione per la musica lo ha incoraggiato anche a laurearsi come direttore d’orchestra e nel 2013; dopo ha fondato l’orchestra regionale calabrese “Paolo Serrao“, dove ricopre il ruolo di direttore artistico e musicale.

     

    Fonti: 
    Ambasciata Italiana: https://ambbrasilia.esteri.it/ambasciata_brasilia/pt/ambasciata/news/dall-ambasciata/concerto-italiano-por-ocasiao-dos.html;
    SECEC: http://www.cultura.df.gov.br/sinfonica-celebra-roma-em-obras-que-comemoram-nascimento-de-compositor-italiano/

    Più informazioni su