Quantcast

Dopo oltre trent’anni ritorna la Dama a Crotone: domenica 2^ tappa per decidere il campione calabro 2020

Appuntamento domenica 30 agosto al lido Acquapark Atlantis nella splendida terrazza sul mare del ristorante don Antonio per questo sport antico di oltre quattro secoli e mezzo,

riceviamo e pubblichiamo:

Dopo oltre trent’anni ritorna la Dama a Crotone, approdando nuovamente nella città per eccellenza dello sport, della matematica, della medicina, della filosofia. Le arti eloquenti che per gli antichi greci e i latini venivano considerate magistra vitae. E che la dama, chiamato lo sport della mente, le unisce magnificamente. Ad ospitare la seconda tappa della coppa calabra, torneo itinerante ideato dal maestro bruzio Francesco Senatore, che si svolgerà domenica 30 agosto a partire dalle 09.15, sarà il complesso turistico balneare del lido Acquapark Atlantis in via per Capocolonna, nella splendida terrazza sul mare del ristorante don Antonio, in una cornice paesaggistica che abbraccia il promontorio nord del tempio di Hera lacinia.

Si affronteranno 12 giocatori calabresi, provenienti dalle province di Reggio Calabria, Cosenza e Crotone che si contenderanno il titolo di campione calabro 2020 (1° gruppo e 2° gruppo), in un torneo dispiegato su 4 tappe, con la formula del girone unico e con incontri di andata e ritorno.

La gara si preannuncia combattutissima, fin dal primo battito d’orologio, prova ne è la classifica provvisoria dopo la prima tappa svoltasi, giorno 28 giugno 2020, presso la sala consiliare del Comune di Rose (Cs). Al comando della classifica dopo i primi sei turni di gioco si trova, a 10 punti, il candidato maestro reggino Giuseppe Amaretti, con lo stesso punteggio, ma con un quoziente inferiore, si trova al secondo posto il candidato maestro crotonese Filippo Violi, seguono distanziati di un solo punto a 9, un trio di tutto rispetto che punta comunque alla vittoria finale, formato dal maestro bruzio Francesco Senatore e dal candidato maestro bruzio Leonardo Scigliano, oltre che dal sempre verde candidato maestro crotonese Domenico Bozza. Nel secondo gruppo, classifica diversa nonostante il girone unico all’italiana, il primato provvisorio a 6 punti è occupato dal nazionale di Rose, nonché presidente del circolo bruzio, Giuseppe Iuele, seguito ad una sola lunghezza dal regionale crosioto (Mirto Crosia), Luigi Sapia e da un terzetto formato da Carmine Morello di Rossano Calabro, dal reggino Giovanni Focà e da Pompeo Faragone di Rose. Chiudono la classifica Salvatore Morello ed il giocatore in attività più longevo d’Italia, Giuseppe Lanzino, che guarda tutti dall’alto della sua venere età di 87 anni.

Pertanto l’invito a partecipare è rivolto a tutti gli appassionati del gioco della dama, ai curiosi e a tutti coloro che vorrebbero magari imparare, cimentandosi con questo sport antico di oltre quattro secoli e mezzo, anche se il primo trattato di dama italiana fu redatto da Cesare Mancini nel 1830. Fu solo grazie a un referendum interno alla Federazione Italiana Dama nel 1934 che fu abolita la regola del “soffio”, gettando le basi teoriche sugli studi della dama moderna, regola secondo la quale se un giocatore si dimentica di mangiare una pedina, la stessa pedina che avrebbe dovuto compiere la presa va tolta dalla damiera.

Non resta che darvi appuntamento a domenica 30 agosto, se qualcuno fosse interessato a partecipare fin dal mattino, sfruttando per l’occasione lo splendido litorale di mare del complesso turistico balneare del lido Acquapark Atlantis, contatti in privato il numero 3337289076, in quanto, volendo, è previsto, nella pausa tra mattina e pomeriggio, un pranzo al modico prezzo di 12 euro (antipasto + primo + frutta e bevanda). L’obiettivo è quello un giorno di poter ospitare nella città che fu di Pitagora, Alcmeone e Milone una gara nazionale valevole per la classifica Elo Rubele, portando i migliori giocatori a Crotone, anche nel ricordo di crotonesi che hanno dato molto a questo sport, uno su tutti il compianto Luigi Geremicca.