Quantcast

Commemorazione per i morti a causa del covid foto

Lions Club Distretto 108 Ya , X Cicoscrizione e Service “Gli alberi per la vita” hanno fissato una targa in memoria di chi ha perso la vita a causa del virus.

Anche Crotone ha il suo piccolo bosco della memoria per celebrare le vittime del Covid. Nella giornata di domenica, su iniziativa dell’avv. Fabrizio Meo responsabile per il Lions, nella X Circoscrizione, del service “Gli alberi della vita”, in Via Discesa Castello, nell’Orto Candela, si è replicata analoga iniziativa svoltasi negli scorsi giorni nel parco della biodiversità di Catanzaro ed a Lamezia. Nell’ampio spazio posto ai piedi dei bastioni e strappato al degrado dal lavoro dei volontari d’Italia Nostra sono stati piantati alberi, donati per il tramite del Presidente Carlo Marzano, dal Lions Club Lametia Terme Valle del Savuto, in memoria dei deceduti, causa la pandemia, nella nostra Città. Alla cerimonia ha partecipato il Sindaco Ing. Enzo Voce, l’assessore all’emergenza Covid Carla Cortese, il Presidente della Commissione consiliare pari opportunità Carmen Giancotti, unitamente al Presidente della Commissione bilancio Domenico Ceraudo, numerosi consiglieri comunali, rappresentanti di associazioni cittadine, il Presidente della Circoscrizione Lions Dott. Roberto Iuliano, il Leo Club Crotone, rappresentanti dei club Lions del territorio ed altre autorità lionistiche. Alla celebrazione di domenica ha partecipato anche una rappresentanza del militare Ordine del collare di S. Agata che ha presenziato alla piantumazione di un melograno, donato dalla ditta Garden Giada, a simboleggiare la vita che rinasce. Dopo il commosso ricordo del primo cittadino rivolto ai nostri concittadini che non ce l’hanno fatta ed alle loro famiglie, il Sindaco ha invitato con energia alla vigilanza ed alla prudenza avvertendo che la lotta contro la pandemia ad un anno dal suo inizio è ben lungi dall’essere terminata e vinta. L’assessore Cortese ha fatto il quadro dell’emergenza sanitaria nella nostra Città e Regione, numeri, quelli forniti dall’assessore, non certo del tutto tranquillizzanti, per quanto, dopo la vaccinazione eseguita nei confronti di medici ed operatori sanitari, stia progredendo il numero dei vaccinati tra i nostri concittadini e le categorie più a rischio.

orto candela

Nel corso della cerimonia è stata scoperta una targa in memoria dei deceduti per il Covid, l’avv. Meo ha evidenziato come la scelta dell’Orto Candela per creare un parco commemorativo di chi ci ha lasciato causa un’inimmaginabile pandemia cominciata poco più di un anno fa non è causale essendo in corso di realizzazione un’altra iniziativa che sarà, anche questa, in futuro sposata da altri club Lion ed ovvero la musealizzazione di alcune piante recentemente messe a dimora nel quadro della realizzazione sempre del Service “Gli alberi per la vita” e che rivestivano ai tempi dei Greci un particolare significato nella religione ed anche nel mito. Tra queste l’agnocasto, l’alloro, piuttosto che l’olivo bianco che ancora oggi per le peculiarità del suo olio viene utilizzato per alimentare le lampade votive nei nostri luoghi di culto. L’obiettivo è quello di favorire la realizzazione di uno spazio nel quale il ricordo e la socialità possano coesistere ed a riguardo è stato evidenziato che da qui a breve sarà installata, in questo stesso luogo, una piccola biblioteca, al servizio di chi vorrà approfittare dell’iniziativa dal nome “Un libro nell’orto” che verrà a realizzarsi grazie all’associazione Pantagruel. Un QR code che sarà apposto sui pannelli esplicativi già collocati nelle vicinanze delle piante dai Lions e forniti dalla Società Saipe, consentirà di ottenere ulteriori informazioni non solo sulla botanica delle piante ma sul loro significato rivestito nei millenni. Un QR code sarà collocato anche sul pannello commemorativo delle vittime del Covid e racconterà con dovizia d’informazioni quella che è stata la pandemia, ma per come precisato dall’avv. Meo, ciò avverrà comunque non prima del termine di questa terribile prova cui siamo chiamati e che rimarrà a segnare il nostro ricordo, speriamo presto perciò. Proprio in questi giorni la Conferenza episcopale del Brasile, nazione che conta 160.000,00 morti causa pandemia, ha invitato a piantare alberi a ricordo dei propri cari, l’augurio e che l’invito sia raccolto in tutto il mondo.