Quantcast

Le opere di street art su via Vittorio Veneto

Opere realizzate dai giovani vincitori del contest ideato dall’associazione Culturale IoResto e patrocinato dal Comune di Crotone.

Più informazioni su

Bellezza, creatività, talento, senso di appartenenza, voglia di partecipazione: sono gli ingredienti dell’iniziativa che si è tenuta questa mattina su Via Vittorio Veneto in occasione della presentazione alla città delle opere di street art realizzate sui new jersey posizionati lungo via Vittorio Veneto. Opere realizzate dai giovani vincitori del contest ideato dall’associazione Culturale IoResto e patrocinato dal Comune di Crotone. All’iniziativa insieme a tanti cittadini erano presenti la squadra dell’associazione IO RESTO  capitanata da Gianni Pitingolo, il sindaco Vincenzo Voce, gli assessori Cretella e Pollinzi, consiglieri comunali e naturalmente gli alunni protagonisti del contest. Gli alunni dell’IIS Pertini-Santoni, classe III, sez. B del Liceo Artistico, Lucrezia Riganello, Martina Giardino, Anna Patea, Cristian Gigliotti, Cristina Faustino, Martina Corigliano, Oliverio Marco, supervisionati dalla referente prof.ssa Angela Costantino. Federica Scopacasa della classe 2C dell’I.C. Statale Scuola Media Giovanni XXIII con la supervisione delle referenti prof.sse Brunella Anili e Gemma Cariti. Ed ancora Pia Francesca Varano. La storia della città, attraverso la creatività di questi ragazzi, è raccontata con i volti dei personaggi sui new jersey posizionati lungo la principale arteria della città.

Otto anonime barriere che sono diventate libri di storia per raccontare Faillo, l’eroe della battaglia di Salamina, Milone, plurivincitore dei Giochi Olimpici Antichi, Nicola La Piccola esponente di spicco della pittura del barocco, Gaele Covelli tra i più famosi pittori di fine ottocento/inizio novecento, Nicola Sculco storico e mecenate, Warner Bentivegna considerato uno dei grandi attori di prosa di tutti i tempi, Vincenzo Scaramuzza compositore conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo e Armando Lucifero tra i più grandi naturalisti italiani. Un QR code consente di poter conoscere la storia di ogni singolo personaggio. Un progetto nato con l’obiettivo di trasformare le barriere in uno spazio di creatività  per contribuire a migliorare anche l’immagine della città. Nel corso dei giorni che hanno preceduto la inaugurazione di questa mattina è diventato qualcosa in più. Sono state tante le persone che si sono avvicinate ai ragazzi per complimentarsi, per incoraggiarli e per ringraziarli. Ed oggi il nuovo grazie da parte della città è arrivato da parte del sindaco Voce che ha sottolineato la loro voglia di partecipazione, la grande creatività, l’amore e la passione che hanno profuso oltre a ringraziare l’associazione IO RESTO per il senso di appartenenza  alla città che sta dimostrando con le numerose iniziative promosse.
Gianni Pitingolo di IORESTO ha evidenziato nel corso del suo intervento il percorso che ha portato alla realizzazione di questo “sogno” come lo ha definito, ricordando il compianto arch. Nino Crugliano, scomparso recentemente con il quale avevano inizialmente interloquito per la realizzazione delle opere di street art e ringraziando a sua volta l’amministrazione per aver creduto nel progetto e supportato la realizzazione dello stesso.

 

Più informazioni su