Quantcast

#SALVIAMOCAPOCOLONNA ora e subito! foto

Sono iniziati i lavori che da troppo tempo erano (e sono) di somma urgenza per la protezione del promontorio lacinio, ma è un palliativo! Il tempo delle chiacchiere è già andato! Qui, ora e subito, si può e si deve costruire una nuova coscienza!

di Procolo Guida,

E finalmente qualcosa, oltre le frane, si muove a Capo Colonna: sono iniziati i lavori che da troppo tempo erano (e sono) di somma urgenza per la protezione del promontorio lacinio. Riguardano, solo per esposizione diretta, la falesia così fragile su cui è arroccata la Chiesa dell’Annunziata con i resti archeologici di lato. Le  opere, appunto  in  somma  urgenza,  sono necessarie  ed  improcrastinabili anche a  causa  del  violento  nubifragio  che  si  è  abbattuto, pensate un po,  sul  promontorio nell’oramai lontano mese di novembre 2020, durante l’alluvione che ha colpito quasi tutta Crotone. Sono  state  oggetto  di concertazione  tra  gli  Uffici  centrali  e periferici  del  Ministero  della  Cultura  d’intesa  con  il Comando  Carabinieri  Tutela  Patrimonio Culturale -Nucleo Cosenza.

Che altro tipo di urgenza sta emergendo dal contestuale studio di questi interventi con la relativa attività di Tutela del patrimonio Culturale, in collaborazione con il Nucleo Carabinieri subacquei-  Messina e  il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale-Cosenza? C’è da preoccuparsi o, quasi sicuramente, c’è da ALLARMARSI? C’è anche un progetto  televisivo, a supporto, che è a cura della società  di  produzione audiovisiva Palomar. Anche il nome tecnico dell’intervento (che è “Lavori  di  Somma  Urgenza  a  protezione  dei  resti  archeologici  ubicati  sul  ciglio  della  falesia  antistante  una  porzione  del  sito  archeologico  di  Capo  Colonna”) ci confermerebbe che la situazione è molto più che a rischio, ed a rischio fortissimo. Ma già queste immagini e, soprattutto, l’esiguo importo dell’intervento, ci fanno presagire che poco o nulla si potrà ricavare da queste giornate di lavoro. Ci sono tecnici, d’altronde, che da tempo danno vita ben più breve dei 100 anni all’istmo su cui si sporge sul mediterraneo una lingua di terra che non contiene solo(!) i resti del tempio di Hera: ci sono concentrati oltre 3000 anni di storia sul e del Mediterraneo.

Pensiamo non possa essere solo una provocazione chiedere: ma di quale Antica Kroton potremo parlare se crolla Capo Colonna? Buttate tutte le rimodulazioni a mare! #SALVIAMOCAPOCOLONNA  Proprio 7 anni fa, fummo fra i protagonisti di una battaglia (sotto un solo un breve riassunto) che riuscì a mostrare lo sdegno per la sciagurata scelta di impiegare 2,5 milioni di euro per cementificare la storia ed i resti dell’antico Foro di età romana. La cittadinanza ed il mondo intero riscoprirono così anche il prospiciente  mosaico di cui, per primo, parlò ad inizio 900 Paolo Orsi. Il prezioso reperto, scoperto e sotterrato di nuovo proprio agli inizi del secolo scorso, fu nuovamente rinvenuto e riportato alla luce e risotterrato dall’unica cosa che non trova soluzioni di continuità: l’ignavia e l’afasia di intere classi digerenti locali, regionali e nazionali; è la sua storia è davvero stereotipo di questa terra. Qui non sorgeva solo uno dei santuari più importanti della Magna Grecia. Qui ad inizio del 2015 iniziarono le carriere, limpide come l’alito di RinoGaetanesca memoria, di Margherita Corrado, dei cinque stelle che si mangiarono quel moto popolare spontaneo per rubare i sogni e consentire altro cemento ed altri lastricati di materiale “bbuono” solo ad appesantire il fragile promontorio e consentirgli matrimoni, battesimi ed ipocriti battiti di petto dei pellegrinaggi mariani. Qui, direbbe la storia, d’altronde, si era fermato Eracle, di ritorno dalla Spagna con i buoi sottratti a Gerione che, nel subire un tentativo di furto delle mandrie da parte di Lakinios, lo uccise, ed assieme a questi, per errore, ferì a morte anche il figlio Kroton, eponimo della città che lì sarebbe stata fondata…

Quanto ancora dobbiamo pagare quel tentativo di furto, quanta disgrazia Crotone vuole buttare su Kroton e sulla storia millenaria di genti e padri della filosofia, della scienza, della medicina e del pensiero occidentale (voi che ci tenete così tanto)! Buttate le maschere, c’è da salvare, ora e subito, ciò che non vi ha lasciato nessuno. Costruite una nave attorno al promontorio, evacuate gli intrusi! Vescovo, Papa issate la bandiera della pace sulla chiesetta della Madonna Nera, la strada ve l’ha mostrata Noè! Diamo un segno alle nostre coscienze: #SALVIAMOCAPOCOLONNA. Il tempo delle chiacchiere è già andato! Qui, ora e subito, si può e si deve costruire una nuova coscienza, altro che solo visione! Ne va dei destini del Mediterraneo, altro che Calabria e Crotone…

leggi anche:

Prima colata di cemento sul foro romano

Crotonesi dove siete??? C’è bisogno di voi!!!! AGGIORNAMENTO IMPORTANTISSIMO

Capo Colonna: E’ l’ora della protesta

Capo Colonna: Finalmente si è mosso qualcosa

SALVIAMO CAPO COLONNA con la CULTURA

Linda Monte si mobilita contro gli interventi nel sito di Capocolonna

Non sopportiamo più il Peppino Vallone che è in noi!

Capocolonna: “Affermare che i reperti potevano essere così cementati significa offendere la storia dell’Italia”

La Bonomi se ne va! Lo annuncia al termine della riunione in prefettura!

Capo Colonna: due petizioni per salvare il promontorio dal cemento

Tutti pazzi per Capo Colonna!!!

Vallone a Capo Colonna: “E’ uno scempio”

Capo Colonna: La Soprintendenza sospende i lavori e il presidio fa una pausa!

Capo Colonna: Arrivano a sorpresa gli ispettori, il Comitato e le Associazioni sono lì