Quantcast

Aeroporto: Che tipo di Fase 2 ci aspetta?

A scrivere il Comitato Cittadino Aeroporto Crotone, che riporta due testimonianze, "che dimostrano ciò che inesorabilmente tutti noi cittadini vivremo nei prossimi mesi".

Riceviamo e Pubblichiamo:

Domani inizierà la fase 2 per tutta l’Italia, anche per quelle regioni che sono state sin da subito zone rosse e chiuse.

Tanti cittadini italiani potranno rivedere i propri congiunti, ritornare al proprio lavoro ma per i cittadini crotonesi tutto questo sarà quasi impossibile visto la carenza di mezzi di trasporto pubblici!

In allegato due testimonianze pervenute in questi giorni una di Raffaella Rimoldi e l’altra di Michela (nome di fantasia) che appunto dimostrano ciò che inesorabilmente tutti noi cittadini vivremo nei prossimi mesi.

Nessuno ha previsto la fase 2 per i cittadini di Crotone?

Noi speriamo che il governo regionale ed il governo nazionale, a cui abbiamo inviato testimonianze, prenda atto delle criticità ancor più accentuate e ponga in essere urgentemente delle soluzioni.

La compagnia irlandese Ryanair ha già due volte messo in vendita i biglietti e poi li ha annullati con molta facilità.

Non è possibile che il nostro diritto alla mobilità possa essere subordinato alla Ryanair che è una società privata con un’unica finalità: il profitto!

Noi non smetteremo di lottare!

Vogliamo esser liberi di partire, liberi di tornare!!!

 Testimonianza di Michela (nome di fantasia)

Sono Michela e devo tornare a Crotone da bologna

Faccio parte di quei cittadini del volo cancellato il 22 dicembre quando con 2 anziani genitori e mi propinavano 12 ore di pullman, in quell’occasione potevano organizzarsi per tempo e farci partire da Lamezia come appunto ho saputo che hanno fatto successivamente.

Alla fine sono riuscita a partire con i miei genitori per le feste natalizie e raggiungere Bologna dove purtroppo sono rimasta bloccata prima per problemi di salute e poi per il blocco covid-19.

Mio padre è deceduto qui a Imola e noi non siamo potuti tornare a casa per accompagnarlo al cimitero. Mio padre tornato da solo in un carro funebre il 15 aprile.

Ora sono sola a Bologna con mia mamma che ha 75 anni ed ha una protesi al ginocchio.

Dal 4 maggio abbiamo saputo che è possibile tornare a Crotone, siamo stanche, provate dal dolore e dalla lontananza e per questo vorremmo tornare nella nostra città ma ora il problema: come tornare?

Sto controllando i voli aerei ma la Ryanair prima ha messo in vendita i biglietti per giorno 8 maggio, poi giorno 15 maggio ora giorno 22 maggio ed io non so cosa fare.

Noi saremmo disposti ad aspettare il 22 maggio poiché l’aereo è molto comodo per mia madre 75enne grazie anche all’assistenza a bordo poiché a causa della sua protesi difficilmente potrebbe fare 8 ore di treno con cambio a Roma e poi da Lamezia un’altra ora e mezza in macchina. Sarebbe una tortura assurda salire e scendere dai treni o camminare fino a chissà quale binario per la coincidenza e, infine, dovremo chiedere anche il favore a qualche amico o parente di venirci a prendere a Lamezia terme.

Ho, comunque, valutato questa ipotesi ma al momento i treni sono liberi dal 14, quindi se fosse sicuro, una settimana in più cambierebbe poco.

Ho tanta voglia di ritornare nella mia città, scapperei già giorno 4 ma siamo come sempre penalizzati!

Non so cosa fare, lontano da casa mi assale ancor di più la tristezza.

Testimonianza di Raffaella Rimoldi

Noi praticamente siamo venuti a Capo Rizzuto il 5 marzo. Eravamo io, mio marito e mia figlia perché avevamo preso a gennaio insieme ai biglietti per venire in vacanza il 15 agosto anche quelli per fare un weekend i primi di marzo con i parenti e soprattutto i suoceri che vediamo poche volte all’anno.

A gennaio l’emergenza Covid non c’era ancora. Il 24 febbraio da noi al nord era tutto chiuso; scuole chiuse, il maneggio dove lavoro con i bambini in un’attività ludica è stato chiuso, la mia bambina a casa e la mia attività chiusa mentre ci sono i cavalli da mantenere.

Quindi ci siamo imbarcati sul volo per il sud mossi da diverse esigenze, un po’ per il fermo della società imposto al nord un po’ per riabbracciare i nostri parenti al sud.

Doveva essere un viaggio di qualche giorno un semplice weekend, come quelli che abbiamo già vissuto negli ultimi anni grazie ai voli, quindi da Orio siamo partiti tutti insieme.

Poi il 7 sera, era il primo sabato di marzo, è venuto fuori il nuovo decreto con il blocco totale delle regioni dall’8 di marzo. Noi avevamo il volo pronto, tutto programmato, abbiamo fatto il check-in tutte e tre ma alla fine è partito solo mio marito mentre noi siamo rimaste qui.

I motivi di quella scelta erano molteplici la mia attività era comunque chiusa, mentre l’attività dove lavora di mio marito non ha mai chiuso, e visto che lui doveva comunque andare a lavorare per esigenze economiche e, quindi, il rischio di contrarre il virus sarebbe stato maggiore, così la mia famiglia dall’8 marzo è divisa tra nord e sud, io e la mia piccola con i miei suoceri mio marito al nord con mia mamma.

Pensavamo ad una situazione temporanea ma successivamente Ryanair ha tolto i voli da Crotone ed il rientro presso il proprio domicilio è stato presto interdetto.

Mi sono ritrovata bloccata ad Isola Capo Rizzuto, certo non mi posso lamentare perché vivere la quarantena al sud non è stata di certo come viverla al nord, nella mia città Mezzago in Brianza.

Ora, costantemente penso a mio marito a casa da solo, mia mamma malata di Alzheimer è peggiorata. Il centro diurno al quale andava è chiuso da metà marzo; ho dovuto organizzare tutto dal sud trovando una persona che la possa seguire non potendosi più gestire neppure per i pasti. Mia mamma abita vicino a noi ma mio marito riesce a vederla solo alla sera anche se abbiamo paura visto che lui lavora e può contrarre il Covid e trasmetterlo involontariamente a mia mamma già così delicata.

L’unica personale che potrebbe assistere mia mamma è mio cognato ma la moglie lavora in ospedale di Bergamo proprio in un reparto Covid quindi anche in questo caso il rischio è molto alto. Questa è la mia situazione e sono veramente triste ed amareggiata.

Quando abbiamo sentito Conte ed il nuovo decreto in cui si sarebbe allentata la situazione dal 4 maggio dando la possibilità di poterci spostare dalla Calabria solo per comprovate esigenze dando la possibilità di rientro al domicilio abbiamo tirato un sospiro di sollievo.

A fine aprile, quindi, mio marito ha cercato il primo volo disponibile: risultato l’8 maggio, biglietti immediatamente comprati! Chiediamo conferma all’aeroporto di Crotone che ci assicurano la ripartenza dei.

Poi, invece, qualche giorno fa mio marito ha ricevuto un’email in cui venivamo informati che il volo dell’8 era stato annullato! Di nuovo, eravamo bloccati!

Cerchiamo nuovamente il primo volo disponibile ed Abbiamo subito deciso di comprare i nuovi biglietti dal 15 maggio. Il 2 maggio abbiamo ricevuto un’ennesima email in cui si annullava il volo del 15 suggerendoci il volo del 22 maggio.

Il volo era costato 90 euro per ritornare al Nord dai miei cari ed alla mia “normalità”. Io devo, ormai, in ogni caso rientrare. Mia mamma ha bisogno di me. Non posso aspettare altri 20 giorni qui e poi tornare a casa e fare altri 15 giorni di quarantena li (questo ho capito).

Quindi più tardi rientro, più tardi potrò ritornare ad assistere mia mamma ed eventualmente disponibile per la mia attività.

Adesso ho necessità di tornare a casa!

Siamo disposti a tutto ma siamo bloccati qui.

L’unica possibilità è partire il 18 da Lamezia terme ad un prezzo veramente altissimo ma non sappiamo come arrivare allo scalo di Lamezia! Non ci sono mezzi ed i miei suoceri non riescono ad accompagnarci!

Il mio lavoro che si svolge prevalentemente all’aperto quasi sicuramente riaprirà il 18 maggio ma come farò io ad essere li se il primo volo da Crotone è il 22 e poi dovrò fare anche 15 giorni di quarantena?

Nonostante tutto, siamo disposti a comprare nuovamente il biglietto del 22 maggio ed aspettare per 4 giorni ma vogliamo che il volo sia garantito altrimenti anche quest’attesa potrebbe essere inutile ed avere anche conseguenze negative sul lavoro!