Quantcast

Crotone non merita questo foto

Ripartito oggi il mercato del primo giovedì del mese. Le proteste di Confcommercio: "Situazione indecorosa; serve progettualità per i negozianti crotonesi".

Più informazioni su

Questa mattina, dopo il lungo periodo di lockdown, causato dall’emergenza covid,  che ne aveva vietato lo svolgimento, ha riaperto i battenti il Mercato del primo giovedì del mese.

Riportiamoo quanto scritto da Confcommercio Calabria Centrale Crotone, sulla propria pagina Facebook:

COSÌ NON VA!

Come avevamo previsto, la situazione che si è venuta a creare questa mattina, in occasione della riapertura del “Mercato del primo giovedì del mese“, è stata a dir poco INDECOROSA.

Abbiamo assistito ad una desolante dimostrazione dell’inadeguatezza dell’attività amministrativa che, oltre a far rilevare un’assoluta mancanza di considerazione e cognizione della drammatica situazione economica degli operatori economici della nostra città, ha ostentato la consueta approssimazione organizzativa, costringendo i venditori ambulanti ad operare in condizioni igienico-sanitarie decisamente inappropriate, soprattutto in un contesto di emergenza tuttora in corso.

Tutto questo proprio nel momento in cui sarebbe opportuno dare speranza alle imprese del territorio, mantenendo sempre la sicurezza al primo posto e incentivando, per quanto possibile, gli acquisti locali.

Così oggi, mentre i negozianti si districavano disperatamente tra obblighi e disposizioni, la nostra amministrazione ha pensato bene di aprire, da un giorno all’altro, un mercato all’aperto, privo dei requisiti minimi di regolamentazione e sicurezza.

Nel frattempo, rimangono ancora inascoltati gli appelli di Confcommercio per sollecitare l’amministrazione comunale verso un’attenta progettualità, che vada nella direzione della rigenerazione urbana e della predisposizione di spazi adeguati alle attività sociali e ricreative all’interno della città.

Di fronte ad un’amministrazione sorda, o quantomeno disattenta, non ci resterà che aumentare il volume delle nostre continue richieste di confronto, sinergia e unione: CROTONE NON MERITA QUESTO!

Più informazioni su