Quantcast

Che fine ha fatto il Palakrò?

La New Team 2000 Basket chiede un tavolo urgente per discutere una problematica che se non affrontata porterà ad un’altra stagione di inattività per centinaia di bambini e bambine e adolescenti.

Riceviamo e Pubblichiamo:

Marzo 2020: il Covid 19, di fatto, sospende ogni attività al chiuso, basket compreso, in tutta Italia.
Luglio 2020: il Commissario prefettizio del Comune di Crotone chiude tutte le palestre e i palazzetti comunali per mancanza del rinnovo delle concessioni (mancanza da addebitare completamente al Comune).
Giugno 2021: che novità ci sono? Il covid viene combattuto a suon di vaccini e le palestre riaprono in tutta Italia tranne che a Crotone. Perché? La risposta è semplice. Il Comune, che nel frattempo ha un nuovo Sindaco e una nuova giunta, dopo i primi mesi di promesse e parole, ha fatto calare il silenzio sull’argomento. Così, noi della New Team 2000 Basket Crotone, società facente parte del consorzio che gestiva il Palakrò (con utenze a carico) ci ritroviamo alle porte della nuova stagione senza sapere se potrà ricominciare l’attività di basket e minibasket. In questi mesi di silenzio da parte delle istituzioni, più volte è stato richiesto incontro per poter uscire da questa impasse ma mai siamo stati ascoltati. Il Palakrò è stato aperto solo per i campionati autorizzati ed ora, a stagione finita, tornerà ad essere chiuso. Un palazzetto chiuso e abbandonato a cosa servirà alla collettività?

La New Team 2000 Basket chiede un tavolo urgente per discutere una problematica che, altrimenti, se non affrontata porterà ad un’altra stagione di inattività per centinaia di bambini e bambine e adolescenti. Né si può pensare di affidare una struttura abbandonata ad un Consorzio onlus, per cui senza fini di lucro, senza prima constatarne la sicurezza sia dell’impianto che delle attrezzature esistenti che, all’atto della consegna chiavi, sono rimaste all’interno del palazzetto abbandonate come esso. Preme sottolineare come nei mesi scorsi, l’assessore allo Sport, ha pubblicizzato interventi alle strutture sportive, dimenticando completamente il Palakrò. Ha, altresì, pubblicizzato un accordo per lo sport per disabili: ma se le palestre scolastiche sono chiuse, il Palamilone distrutto e il Palakrò abbandonato, dove si svolgeranno tutte queste attività (basket, pallavolo, pallamano e karate, solo per fare un esempio di alcune delle discipline che si praticavano al Palakrò)? Sarà stato, dunque, il covid a decretare la fine del basket a Crotone, che porta con sé la gloriosa storia della New Team 2000, oppure il Commissario Prefettizio con la complicità dell’attuale Amministrazione Comunale? E’ bene ricordare, a beneficio di quanti, soprattutto i nostri politici, hanno la memoria corta, che negli ultimi venti anni (ovvero dalla sua inaugurazione) il Palakrò ha vissuto e prosperato grazie alla lungimiranza e ai sacrifici personali proprio dello storico presidente e fondatore della New Team 2000 Basket, il compianto Egidio Carbone. Non a caso, in occasione del secondo memorial a lui dedicato, lo scorso dicembre, è partita la proposta di intitolare a Carbone il Palakrò, con assenso unanime del mondo dello sport crotonese e non solo, proprio a sugellare tutto il lavoro svolto a beneficio del palazzetto come luogo ove consentire di praticare lo sport a Crotone, punto di accesso e di crescita di tanti giovani crotonesi. La gestione del Palakrò può essere concepita solo ed unicamente a titolo gratuito nei confronti dell’Ente proprietario, con accollo delle spese ordinarie a carico del consorzio di gestione. La New Team 2000 chiede a tale scopo all’Assessore allo Sport un incontro urgente al fine di stilare una convenzione in tal senso. Il corrispettivo per il Comune di Crotone? L’ innalzamento sociale e culturale e a lungo termine della città, attraverso la permanente pratica e diffusione dello sport. Basta con questo silenzio.