Quantcast

Campagna Irrigua 2021. Torchia: “La campagna è partita già svantaggiata”

Si chiede a tutti gli utenti di usare la risorsa idrica con razionalità e parsimonia.

La campagna irrigua di quest’anno è partita già svantaggiata a causa del ridotto volume di acqua disponibile e per la prolungata mancanza di pioggia non solo nell’attuale periodo, ma anche nella pregressa stagione primaverile. Questa situazione, nel condizionare la disponibilità idrica, potrebbe interferire con il completamento della prima coltura irrigua previsto per il prossimo 15 agosto. Alla luce di tale previsione e alfine di mitigare i possibili danni ed effetti

SI CHIEDE

A tutti gli utenti di usare la risorsa idrica con razionalità e parsimonia, riservando l’uso allo stretto necessario e consentito per garantire l’irrigazione delle colture in atto, con l’impiego delle tecniche e delle pratiche più opportune all’interno delle aziende per conseguire il massimo risparmio idrico;

PERTANTO

  1. è assolutamente vietato usare l’acqua per la cosiddetta “sbavatura del terreno” almeno fino al completamento della prima coltura;
  2. nei giorni di chiusura dell’impianto, è fatto assoluto divieto di prelevare la risorsa idrica dalle condotte consortili.

Allo stato, per quanto riguarda la seconda coltura – autunno/invernale – non è possibile assicurare la fornitura dell’acqua in assenza di decisioni Regionali sulla disponibilità dei volumi idrici necessari.
A tal fine, in maniera preventiva,  il Consorzio di Bonifica notizierà anche le Amministrazioni locali e le forze dell’ordine chiedendo di effettuare i dovuti e conseguenziale controlli, al fine di contrastare ogni tipo di abuso.