Quantcast

Confindustria Crotone: riunita l’Assemblea dei Soci alla presenza del Presidente di Unindustria Calabria

Il Presidente Spanò ha rivolto un ringraziamento particolare ai Soci di Confindustria Crotone per il sostegno e le sollecitazioni che nei mesi della pandemia non hanno fatto mai mancare.

“Il Presidente di Confindustria lo ha detto chiaramente nell’Assemblea di settembre scorso. Non abbiamo a cuore solo le nostre aziende ma anche lo sviluppo del territorio in cui esse operano. Ed abbiamo anche a cuore la crescita delle nuove leve imprenditoriali: i Giovani Imprenditori sono il nostro vivaio, dobbiamo impegnarci insieme a loro per questo indispensabile cambio di rotta che la pandemia ci obbliga ad affrontare”, così il Presidente di Confindustria Crotone, Mario Spanò, in un passaggio della sua relazione, durante l’Assemblea dei Soci svoltasi presso il centro direzionale de La Bcc del Crotonese. Ad aprire i lavori il benvenuto del Direttore Generale de La Bcc del Crotonese, Cosimo Puglia, che ha evidenziato il lavoro svolto e la vicinanza costante al nostro territorio da parte della Banca locale per sostenere un tessuto imprenditoriale ricco di potenzialità e motivato a crescere.
Il Presidente Spanò ha rivolto un ringraziamento particolare ai Soci di Confindustria Crotone per il sostegno e le sollecitazioni che nei mesi della pandemia non hanno fatto mai mancare.
“In un momento così delicato, carico ancora di incertezze ma anche di aspettative e di speranze, Confindustria è un’associazione per gli imprenditori che vogliono far crescere le loro aziende e con esse il territorio in cui operano e quindi il paese. Nella regione meno sviluppata e tra le più povere di Europa, la missione che ci siamo dati come sistema Confindustria a livello locale e regionale è ancora più ambiziosa e difficile. Tutti noi sperimentiamo la fragilità di un territorio in cui anni di mancato sviluppo hanno eroso il patrimonio sociale, hanno esasperato le relazioni tra privato e pubblico ed hanno alimentato il fronte di quelli che non ci credono più. Ora, però, è il momento di cambiare”.

Serve lavorare su una visione integrata e coesa dello sviluppo della nostra regione che valorizzi le diverse aree e le differenti vocazioni, sul versante Tirrenico così come su quello Jonico. Infrastrutture e mobilità, Aree Zes ed Economia del mare, Innovazione e Resilienza: questi secondo Confindustria Crotone gli argomenti principali in agenda. Durante i lavori, sono intervenuti il Vice Presidente, Alessandro Brutto, che ha sintetizzato le attività in corso sul tema della infrastrutture e della mobilità sulla fascia ionica, il Presidente della Piccola Industria, Alessandro Cuomo, che ha relazionato sul progetto del Distretto del Cibo Terre di Pitagora, di cui Confindustria Crotone è tra i promotori, ed infine  il Presidente dei Giovani Imprenditori, Vincenzo Giovanni Squillacioti, che da poco a capo del Gruppo GI ha raccontato le iniziative svolte sulle Start Up nell’ambito dei Gruppi regionali e la prossima attività dedicata al Project Management che si svolgerà nel mese di novembre. Aldo Ferrara, Presidente di Unindustria Calabria, ha concluso i lavori evidenziando l’importanza del ruolo svolto da Unindustria Calabria come momento di sintesi e di coesione delle esigenze e delle vocazioni dei diversi territori. “Avremo a breve  risorse a disposizione ed opportunità mai viste prima. Siamo chiamati come sistema regionale a svolgere un lavoro enorme per non rimanere fermi al palo: questa è davvero l’ultima chiamata –  ha evidenziato Ferrara. Come Unindustria Calabria svolgeremo un ruolo propositivo ed un’azione vigile perché non vadano perse risorse e vengano messi in cantiere progetti di sviluppo con gambe solide. Con la stessa attenzione, stiamo seguendo i progetti sulla mobilità e le infrastrutture, fisiche e digitali, senza le quali non abbiamo speranza di sviluppo. Confidiamo che la Regione Calabria, la parte politica e quella amministrativa, vorrà essere un interlocutore aperto e disponibile al confronto con il nostro sistema”.