Quantcast

Incontro ad Isola di Capo Rizzuto con Baldo Esposito

Nell'occasione si è parlato del territorio isolitano

Riceviamo e Pubblichiamo:

Mercoledi 22 luglio il consigliere regionale on. Baldo Esposito, insieme a una delegazione politica di rappresentanti istituzionali ed amici del territorio crotonese, su invito del sindaco Vittimberga come da richiesta del capogruppo Raffaele Gareri del movimento L’isola che Vorrei, ha fatto una visita istituzionale presso il Comune di Isola Capo Rizzuto.

Nell’incontro, svoltosi in un clima di calda e sincera ospitalità, con il sindaco avv. Vittimberga erano presenti alcuni membri della giunta e rappresentanti del consiglio comunale sia di maggioranza che di minoranza, tra cui il vicepresidente del consiglio comunale Domenico Bruno.

Nell’occasione si è parlato del territorio isolitano, in particolare delle sue enormi e straordinarie potenzialità e di come sfruttarle nell’interesse non solo della comunità isolitana ma dell’intera fascia jonica calabrese.

Lo spirito che ha animato l’incontro è stato caratterizzato da una nuova consapevolezza, quella che le problematiche di ogni territorio, in particolare di un territorio dalle enormi risorse storico e artistiche, paesaggistiche e naturali come quello di Isola Capo Rizzuto, vanno portati avanti e supportati senza tener conto né delle differenze partitiche né di schieramenti, ma solo come istituzioni che si mettono a lavorare per i cittadini calabresi.

Per dimostrare a tutti, anche ai denigratori della Calabria e dei calabresi, che esiste una Calabria che lavora nell’esclusivo interesse dei territori.

Di tutti i cittadini calabresi. Senza campanili e senza campanilismi.

Questo è stato lo spirito di questo incontro, a cui ne seguiranno altri.

Di quest’incontro e di questa nuova pagina di storia politica calabrese, in qualità di partecipanti, vogliamo ringraziare l’on. Esposito, il capogruppo Gareri e il sindaco Vittimberga.

Ancora una volta ad essere protagonista la politica.

Senza maiuscole; e senza aggettivo alcuno.

Giovanni Procopio