Quantcast

Belcastro: “Non consentirò a nessuno di impartire lezioni di legalità e moralità all’attuale amministrazione”

Le dichiarazioni del sindaco di Cotronei Nicola Belcastro sulla vicenda che nei giorni scorsi ha coinvolto l’imprenditoria silana crotonese

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

«In questi giorni la Sila Crotonese, TrepidòVillaggio Palumbo, è balzata agli onori della cronaca per vicende che poco hanno a che vedere con le bellezze naturalistiche, la qualità dell’aria, il piacere di poter stare in un contesto di una straordinaria valenza ambientale. Le più importanti testate giornalistiche locali nei giorni scorsi hanno raccontato la Sila come una “gallina dalle uova d’oro” oppure “una realtà dove vige un contesto criminale diffuso”. Tali espressioni hanno riportato alla mia memoria tutte le discussioni che ho avuto modo di affrontare, ogni tanto venendo anche sbeffeggiato, quando chiedevo con forza l’istituzione di una caserma dei carabinieri, ovvero un presidio di legalità, appunto in Sila, mettendo a disposizione un immobile di proprietà comunale con oneri di gestione a carico dell’Ente locale. In questo mio accorato appello non ho trovato molti alleati». Lo dichiara il sindaco di Cotronei Nicola Belcastro, aggiungendo: «In tale contesto è da riconoscere come veramente meritoria l’azione delle forze dell’ordine, a tutela della legalità e a difesa di tutto il tessuto sociale sano di questo territorio, che ha dovuto subire le angherie della criminalità organizzata, la quale, a sua volta, ha impedito, di fatto, la crescita socio-economica, scoraggiando la nascita di nuove opportunità di sviluppo per il comprensorio silano. Pertanto sento di dover esprimere la mia più ampia solidarietà nei confronti dell’imprenditoria sana che opera in Sila che, a causa dei condizionamenti portati alla luce dagli inquirenti nei giorni scorsi, è stata oggetto di estorsioni e ritorsioni; azioni che in primis hanno danneggiato tali imprenditori ed in secondo luogo l’intera collettività, causando il depauperamento di tutti i servizi turistici del posto».

«Sono abituato ad assumermi le responsabilità che il ruolo di sindaco impone e allo stesso tempo non ho riserva alcuna nel dichiarare che l’azione del Comune è stata sempre orientata nel garantire i principi di legalità e correttezza, oltre che di economicità, efficacia ed efficienza per come previsto dalla nostra Carta Costituzionale – precisa Belcastro -. Anche il servizio dello sgombero neve, effettuato dalla ditta Vona è stato sempre improntato al rispetto della normativa vigente in materia di affidamenti. Un servizio svolto sempre con correttezza e precisione, sia di giorno che di notte, garantendo una reperibilità sul posto che nessuna altra impresa era in grado di garantire, con costi contenuti per l’Ente. Non consentirò a nessuno di impartire lezioni di legalità e moralità al sottoscritto e all’attuale amministrazione comunale che da sempre ha posto al vertice delle scelte amministrative tali principi, tantomeno da chi vorrebbe erigersi a moralizzatore senza averne titolo!  Tali scelte – dice ancora il sindaco -, ampiamente documentate nei fatti e negli atti, sono ben note ai cittadini di Cotronei che non si limitano a dare credito a sermoni privi di contenuto ma giudicano persone e fatti».  Il primo cittadino conclude: «Colgo infine l’occasione per ringraziare nuovamente le forze dell’ordine, riponendo altresì estrema fiducia nell’operato della magistratura che certamente saprà fare luce su quanto successo negli scorsi anni in questo bellissimo lembo di montagna crotonese che oggi si sente un po’ meno abbandonata dalle istituzioni, evidenziando inoltre, qualora ve ne fosse bisogno, che il Comune di Cotronei sarà sempre dalla parte della legalità e della giustizia».

Più informazioni su