Quantcast

La minoranza richiede la convocazione del Consiglio Comunale

"I cittadini meritano risposte ampie e complete, che solo un consiglio comunale motivato e attivo può assicurare"

Più informazioni su

A distanza di oltre tre mesi dall’ultima seduta di Consiglio Comunale sentiamo l’esigenza di richiamare l’attenzione della maggioranza sulla necessità di convocare, a breve, una seduta di consiglio per meglio, e tutti insieme, delibare i gravi problemi che affliggono la nostra cittadina. La partecipazione alla vita pubblica è un nostro dovere, ma soprattutto un nostro diritto, al quale non intendiamo rinunciare. I cittadini meritano risposte ampie e complete, che solo un consiglio comunale motivato e attivo può assicurare. Abbiamo finora aspettato, in rigoroso e rispettoso silenzio, la convocazione di un consiglio comunale che permettesse ad ognuno di noi di poter esprimere la propria opinione sull’operato dell’amministrazione comunale a sei mesi dall’insediamento, per sottolineare alcune lacune e proporre possibili soluzioni. E’ infatti un dovere, lo ricordiamo ancora una volta, da parte di ogni consigliere di questo comune democraticamente indicato dal popolo come rappresentante di esso, che sia di maggioranza o di minoranza, proporre soluzioni ed evidenziare osservazioni nell’interesse generale della collettività. A tal proposito chiediamo la immediata convocazione della conferenza dei capigruppo per esporre i punti all’ordine del giorno, e conseguentemente la convocazione del consiglio comunale.
I problemi che i cittadini sono costretti a vivere a causa della situazione venutasi a creare con la pandemia, e le difficoltà in cui versa il nostro ente, necessitano di una discussione e di un ampio coinvolgimento delle forze politiche e sociali della città. La convocazione del consiglio comunale è senza dubbio un primo passo, nonché un atto dovuto e di rispetto nei confronti della popolazione. Il nostro interesse rimane quello di contribuire a costruire “la casa di tutti i cittadini”, ma per fare ciò c’è bisogno di azioni che vedano, prima di ogni altra cosa, il rispetto della massima assise. Con la speranza che tale richiesta, sottoposta all’attenzione del Sindaco, del Presidente del Consiglio e dell’amministrazione comunale, possa avere riscontro positivo ed imminente, auguriamo una Buona Pasqua.

Giuseppe Dell’Aquila – Nicodemo Filippelli – Mario Turano
Giuseppe Russo – Cataldo Strumbo – Antonio Pace

Più informazioni su