“Trenitalia, RFI e la Regione Calabria offrono un pessimo servizio di trasporto pubblico”

Comitato cittadino Ferrovia Jonica: "Di 13 treni Blues acquistati dalla Regione solo 4 saranno destinati alla linea ferroviaria jonica. Qualcosa a noi non torna"

“Il futuro turistico dell’area Ionica”, evento organizzato presso il Salone degli specchi del Castello di Corigliano Rossano, è stato il palcoscenico sul quale è andato in scena l’ennesimo evento politico di promesse sulla linea ferroviaria jonica. Viene ripresentato in tutta fretta il treno Blues, non fisicamente come avvenuto già a Reggio Calabria, ma attraverso una serie di interventi per calmare il malcontento nato lungo i binari della costa jonica dove per percorrere 472 km sono state necessarie circa 11 ore.
L’ennesimo evento organizzato in sordina per evitare qualsiasi confronto con i cittadini ed in cui l’assessore alla mobilità Orsomarso coglie l’occasione per ribadire che “C’è un investimento importante che la Regione Calabria insieme a Trenitalia ha compiuto per sostenere la mobilità ferroviaria lungo le linee calabresi e particolarmente per la linea jonica” e quanto “l’atteggiamento lamentoso di qualche voce isolata”, riferendosi al Comitato cittadino Ferrovia Jonica, produca un pessimo ritorno di immagine alla costa jonica.
Tanti i sorrisi, un clima disteso nonostante allo stesso tavolo fossero seduti consiglieri di maggioranza e di opposizione in netta contrapposizione con l’inferno che i viaggiatori vivono prendendo un treno sulla costa jonica.
Il Comitato Cittadino Ferrovia Jonica, quindi, secondo l’assessore alla mobilità non dovrebbe in alcun modo raccogliere le lamentele degli iscritti e dei passeggeri per renderle pubbliche dimostrando palesemente il pessimo servizio pagato dai CALABRESI a Trenitalia con la complicità della Regione Calabria!
Per l’assessore meglio stare in silenzio onde evitare una cattiva pubblicità! Siamo all’assurdo!
Così, riprende la narrazione dell’assessore Orsomarso sempre pronto a sbandierare la Calabria Straordinaria contro ogni polemica e contro ogni pensiero negativo seguito a ruota dal consigliere regionale Tavernise, M5S, che in perfetta sintonia parla di un grande lavoro svolto finora, e di una mentalità negativa da allontanare dalla costa jonica. L’onorevole pentastellato ha parlato anche di un forte impegno quotidiano per una ss 106 a quattro corsie fino a Rossano in linea con il suo pensiero espresso qualche mese fa in cui parlava di portare l’elettrificazione sempre fino a Rossano!
Peccato che la linea ferroviaria jonica, ed anche la ss 106, non finisca a Rossano ma arrivi fino a Reggio Calabria. La delusione e l’amarezza è tanta quando si percepisce nelle varie dichiarazioni una sempre più palese politica campanilistica che dimentica territori del crotonese e della locride, sempre più isolati, evidentemente i suoi cittadini sono figli di un dio minore!
Durante l’evento il direttore business regionale Calabria di Trenitalia, Maurizio Fanelli, presentando il treno ibrido Blues e le sue caratteristiche ha affermato tranquillamente che attualmente di domenica sulla linea ferroviaria jonica viaggiano in media 7 passeggeri su ogni treno!
Una dichiarazione cruda e reale che conferma semplicemente la realtà! Attualmente Trenitalia, RFI e la Regione Calabria offrono un pessimo servizio di trasporto pubblico tanto che i cittadini non prendono più i treni salvo necessità, leggasi studenti e pendolari. Un servizio di trasporto pubblico sonoramente bocciato dai cittadini!!! Questa è la realtà illustrissimo assessore alla mobilità Fausto Orsomarso che in ogni occasione ormai si scaglia contro quei pochi cittadini che lottano per avere nuovamente treni efficienti in stazioni ammodernate!

La giunta della regione Calabria del presidente Occhiuto promuove la nostra terra ovunque spendendo milioni di euro di pubblicità ma non si preoccupa di come viaggiano i cittadini ed i turisti sulla costa jonica! In ogni caso i 13 futuristici treni Blues acquistati dalla Regione saranno già attivi nel 2023 ed il primo ci sarà sulla linea Crotone-Sibari! Di 13 treni nuovi solo 4 saranno destinati alla linea ferroviaria jonica! Wow solo quattro? Le littorine sulla costa jonica come potranno andare in pensione con solo quattro nuovi treni Blues? Qualcosa a noi non torna! Annunci simili li abbiamo già ascoltati ai tempi degli Swing e sembra che la musica sulla costa jonica non cambia mai! La politica degli annunci si prepara a fare ancora una volta campagna elettorale sui trasporti, ovviamente tutti i contentini promessi in pompa magna hanno scadenza successiva alle elezioni parlamentari! Tutte le promesse dal secondo trimestre del 2023!!! Quanto è strana la politica! Si recita da anni lo stesso copione in castelli e sale bellissime mentre i cittadini sotto il caldo aspettano treni che non arrivano! La Calabria Straordinaria richiede oggi servizi dignitosi ed accettabili per i cittadini, le promesse non ci servono!