Quantcast

“Amor che non muore” foto

Il recital di Daniele Parisi tra Shakespeare, Dante, Calvino, Hikmet e Bertolucci Manfrini.

“Amor che non muore”, era il tema scelto da poliedrico attore Daniele Parisi, che Domenica 5 Dicembre, in una  sala molto suggestiva (il locale Euromoda gentilmente messo a disposizione dei coniugi Gaetano- Riga) accompagnato dall’Orchestra “O.Stillo” ha sviluppato in un percorso che partendo dai puri classici Shakespeare – Dante, si portava ai contemporanei  più conosciuti come  Calvino – Hikmet – Gatto Bertolucci Manfrini.
Il recital rientrava nella programmazione della Società Beethoven Acam di Crotone “l’Hera della Magna Grecia” IV edizione che in questo periodo si sta sviluppando, regalandoci momenti di vero godimento culturale, che spazia dai grandi della musica ai grandi della prosa in una commistione artistica veramente bella.
L’attore, che qualche anno fa avevamo avuto il piacere di applaudire, si è veramente superato sia sotto l’aspetto della declamazione sia sotto quello scenico teatrale. Alcuni brani poi, venivano commentati da musiche molto belle e suggestive che creavano una atmosfera veramente suggestiva, particolarmente bella è stata l’esecuzione di brani medievali dove il violino del  M° Arnaboldi si fondeva mirabilmente con la viola della M° Fedele  come sottofondo alla parola del  Parisi. Il programma comprendeva per  il settore teatrale, come dicevamo, opere di “Romeo e Giulietta” di Shakespeare;  “Palomar” di Italo Calvino; tre poesie  di Hikmet , Gatto, Bertolucci; “Ti amo Maria” di Manfrini: “Paolo e Francesca” dal V Canto dell’Inferno di Dante; Polonio da “Amleto” di Shakespeare; Amori difficili; due Poesie sempre di Calvino.
L’Orchestra invece, oltre ai brani che commentavano la declamazione dell’attore  commentava musicalmente le varie fasi dello spettacolo con brani  di  Kreisleid “ Liebesleid-“ “ Schon Rosmarin;” E.Elgar “ Salut d’Amour”, N.Hess ” ladies in lavender” , L.Bacalov – “il Postino” , E.Morricone -“Nuovo Cinema Paradiso” , M.Quintieri  “Idillio”, F.Cilea” Serenata” , Anonimo del XIV sec “Rotta “ da “ il lamento di Tristano”. Tutti brani particolarmente incisivi che sottolineavano o commentavano le varie fasi letterarie. Un recital particolarmente raffinato che, il numerosissimo pubblico presente ha sottolineato e ringraziato attore orchestra e quanti si sono adoperati per la riuscita dell’evento, con calorosi e prolungati applausi.