Giovedi, 13 dicembre 2018 ore 06:00  feed rss facebook twitter
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
ARTE E CULTURA

Quelle dell’approssimazione, del lassismo e dell’afasìa sono le uniche porte che non si chiudono mai in questo nostro territorio!

Dopo tre mesi di chiusura del Castello, al Comune c’è qualcuno che ha ordinato (o almeno suggerito) ai propri dipendenti che per anni lo hanno “abitato” per sevizi diretti ed indiretti di verificare il loro stato di salute?

Quelle-dellapprossimazione-del-lassismo-e-dellafasa-sono-le-uniche-porte-che-non-si-chiudono-mai-in-questo-nostro-territorio
Giovedì 02 Agosto 2018 - 10:10

La chiusura di un Castello non è certo cosa da tutti i giorni…

La motiviziane circa un inquinamento è ancora più rara, “peccaminosa” e certamente complessa.

Come purtroppo accade troppo spesso in questa terra (e certo non solo per responsabilità “interne”) non si è dato da sapere quando e cosa si farà qualcosa per iniziare un processo di bonifica e di conseguente riapertura.

E’ quasi inutile sottolineare che da quando l’Arpacal  ha certificato «valori anomali di radioattività ambientale derivanti dalla presenza di meta silicati contenente Tenorm» ed ha “costretto” il Sindaco a chiudere il Castello, l’unica ad occuparsi quotidianamente di questa faccenda è stata Linda Monte, rea di resistere dalla sua postazione di combattente civile.

Nessuno, a partire dalla denunciante Senatrice Corrado per proseguire con tutti gli altri livelli istituzionali ha pensato di seguire la pratica e far emergere responsabilità e tempi di risoluzione del problema. Nemmeno per “propagandare” un impegno “para concreto”.

Si sono dunque rimbalzati comunicati solo a fronte di una denuncia formale tramite lettera aperta proprio della Monte indirizzata a a tutte le istituzioni competenti  a partire dal Mibact, passando per la Sovrintendenza.

Oggi su facebbook Linda Monte scrive:

“Chiusura del castello - Crotone - Dopo il documento chiarificatore diffuso dalla stampa, (27 luglio u.s.)circa i rilievi effettuati da un esperto per conto del Mibac (Ministero per i beni culturali) a firma del dott. Patamia, non è accaduto più nulla. Ad oggi negli uffici comunali non esiste traccia di questo documento, tanto meno il verbale dopo un sopralluogo congiunto con i medesimi, Asp, Comune e Arpacal,che definiva un nuovo incontro alla luce degli ultimi rilievi, allo scopo di bonificare quella parte incriminata e quindi riaprire il monumento. Deduco che da un lato il polveroso Mibac - che ne ha la competenza - dall'altro gli uffici comunali per nulla lesti a sollecitare il da farsi e ricevere le carte; risultato? l'estate sta trascorrendo, l'autunno a breve sarà alle porte e la faccenda, secondo oscuri piani, è caduta nell'oblio. Fermo restando che - a leggere il magnifico servizio su Il Crotonese circa la diffusione del tenorm - il problema esiste, ma rimediabile, specie in aree aperte - ad esempio in via Gallucci - a ridosso degli uffici Vigili Urbani - Comprendo anche da parte comunale tutte le gatte da pelare - stadio, antica kroton incombente etc - Allora perchè ad esempio tutti gli esperti del castello tacciono, così come gli ordini professionali? Le notizie che ho non sono riprese per sentito dire, ma fornite da organi ufficiali, quindi, ripeto, a chi giova?”

Come non sottoscrivere l’ennesimo appello lanciato dalla Monte…

Ma c’è un altro aspetto direttamente connesso alle motivazioni che portarono il Sindaco Pugliese all’ordinanza di chiusura “per scongiurare qualsiasi possibile rischio per la salute e l’incolumità pubblica

Ma al Comune, dopo tre mesi di chiusura, c’è qualcuno che ha ordinato (o almeno suggerito) ai propri dipendenti che per anni hanno “abitato” il Castello per sevizi diretti ed indiretti (la biblioteca ad esempio) di verificare il loro stato di salute?

Ci risulta che qualche sindacato abbia anche sollecitato, in qualche modo. Ma è accaduto qualcosa? E’ stato sentito o interessato qualche medico di famiglia se proprio quelli del lavoro fossero troppo impegnati…?

E’ stata avviata qualche procedura?

Ma c’è qualche contezza o interesse del valore anche scientifico di tali verifiche se proprio quello nei confronti della salute di donne ed uomini non è così impellente…?

Quelle dell’approssimazione, del lassismo e dell’afasìa sono le uniche porte che non si chiudono mai in questo nostro territorio!

Procolo GUIDA




ULTIMISSIME
LE ROYALTIES AI PESCATORI!
Martedì 11 Dicembre 2018
Lavoro e Liberta, tra storia e futuro
Martedì 11 Dicembre 2018
Il Gospel incontrerà la Calabria
Lunedì 10 Dicembre 2018
Chè bella questa Crotone!
Domenica 09 Dicembre 2018
Crotone è umana!
Domenica 09 Dicembre 2018
CrotoneInforma.it