Giovedi, 18 aprile 2019 ore 18:39  feed rss facebook twitter
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
MUSICA E SPETTACOLO

Tornati i grandi appuntamenti artistici nella splendida cornice del Castello di S. Severina

Proposto il duo pianistico a 4 mani Rodolfo Rubino e Tatiana Malguina

Tornati-i-grandi-appuntamenti-artistici-nella-splendida-cornice-del-Castello-di-S-Severina
Mercoledì 09 Gennaio 2019 - 16:0

riceviamo e pubblichiamo:

Dopo il concerto del quartetto Jazz Schiavone, e dopo il concerto per pianoforte e orchestra “O. Stillo” e Teresa Campana, domenica 6 Gennaio 2019 la Società Beethoven Acam di Crotone  in collaborazione come l’amministrazione  di S.Severina ha proposto il duo pianistico  a 4 mani Rodolfo Rubino e Tatiana Malguina.

Due artisti di grande esperienza e capacità tecnico interpretativo.

Hanno eseguito un programma incentrato sulla danza: A.Dvořák - “Due Danze Slave: n. 2 op. 72 n. 8 op. 46” , M.Bossi - “7 Valzer op. 93” , L.Janáček -  “12 Danze morave” , J.Brahms: 10 Danze Ungheresi.

Una lettura, quella evidenziata dai due artisti, nell’esecuzione, nella quale il pianoforte diventa una sorta di orchestra dai mille colori -dove il virtuosismo non è fine a se stesso ma diventa un mezzo per rendere e trasmettere canto, sensazioni, fascino della sonorità ,ecc.

Di Dvořák hanno saputo rendere al massimo lo spirito del folclore slavo, mentre di Janáček - hanno voluto evidenziare il vigore dinamico, eruttivo, esponendo i temi nella loro forma bruta e realista delle canzoni popolari. Le sue danze piene di fuoco recano una drammatica anima.

Particolarmente interessante sono state i sette valzer op.93 di M. C. Bossi dove il colore mediterraneo si fondeva con il fine gusto e una forte tecnica.

Concludevano il programma le 10 danze Ungheresi di J.Brahms, all’interno delle quali erano evidenti le sue origini etniche e dove gli influssi viennesi ed ungheresi erano puramente accidentali e precari.

Danze all’interno delle quali il classico e il romantico si fondano in una sintesi caratteristica dell’epoca.

Lo stile di Brahms si avvale dell’orditura classica, trattata con rispetto, ma senza soggezione magnificandone e ampliandone le proporzioni. Una esecuzione impeccabile dei due artisti dove tecnica, gusto, musicalità, fraseggio punteggiatura stilistica, si fondevano insieme in un connubio inscindibile.

Applausi calorosi di un pubblico entusiasta e particolarmente numeroso.

Ben tre bis per dire arrivederci e a presto.

                                                                                                                                             Mariarosa Romano




ULTIMISSIME
La Fiera Mariana si terrà in città
Giovedì 18 Aprile 2019
Partiti i voli Crotone - Norimberga
Giovedì 18 Aprile 2019
Zampalesta approda a Firenze
Mercoledì 17 Aprile 2019