Mercoledi, 26 giugno 2019 ore 10:10  feed rss facebook twitter
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
CRONACA

La Camera di Commercio di Crotone sollecita il riconoscimento dello stato di calamità per gli eventi di novembre 2018

La Camera di Commercio di Crotone esprime il suo dissenso per il mancato riconoscimento dello stato di calamità per gli eventi che si sono verificati il 25 novembre 2018 e che hanno arrecato milioni di euro di danni alle aziende investite dalla disgrazia.

La-Camera-di-Commercio-di-Crotone-sollecita-il-riconoscimento-dello-stato-di-calamit-per-gli-eventi-di-novembre-2018
Giovedì 23 Maggio 2019 - 11:14

L’ente camerale si è reso parte attiva nella risoluzione della vicenda tenendo dei tavoli ed aprendosi al dialogo con imprese, associazioni di categoria ed istituzioni. Ora si rivolge ai rappresentanti politici locali, regionali e nazionali, che nell’immediatezza dei fatti si sono interessati alla vicenda recandosi sui luoghi martoriati dagli agenti atmosferici, affinché intervengano per il riconoscimento dello stato di calamità.

In merito alla vicenda, infatti, con il decreto legge pubblicato in G.U. in data 30.04.2019 -meglio noto come “Decreto Crescita”- è stato presentato un emendamento specifico in favore delle attività imprenditoriali crotonesi colpite dalla tromba d’aria che prevede, tuttavia, la sola sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto fino al termine del corrente anno.

Le imprese danneggiate – afferma Alfio Pugliese, Presidente dell’ente camerale - contavano sul riconoscimento dello stato di calamità naturale sia per conseguire un sostegno economico concreto per la ripresa delle attività, sia per l’ottenimento di tutte le agevolazioni conseguenti”.

“L’ente camerale – continua Alfio Pugliese- si è reso da subito disponibile a sostenere le imprese nel loro dialogo con le istituzioni, consapevole che il nostro territorio già penalizzato dalla mancanza di infrastrutture e dalla precarietà lavorativa, non può subire l’ulteriore danno economico e morale di non vedere riconosciuta una tutela cui ha sicuramente diritto. Soprattutto nel caso delle imprese del territorio che immediatamente si sono rimboccate le maniche e, con le proprie risorse, hanno cercato di risollevarsi per riprendere la consueta operatività, attestando un dinamismo ammirevole e che è stato anche premiato dalla Camera di commercio di Crotone”.

“Intendiamo sollecitare la politica locale, regionale e nazionale – conclude il Presidente Pugliese - a non rimanere inerte di fronte all’ulteriore penalizzazione economica che il territorio crotonese ha subito, attivandosi per garantire alle imprese danneggiate un sostegno alla loro ripresa”.

 

Riceviamo e Pubblichiamo