Giovedi, 21 novembre 2019 ore 13:48  feed rss facebook twitter
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
Crotoneinforma.it
ARTE E CULTURA

Spettacolo teatrale

Messa in scena della piece teatrale "Anna Cappelli" di Annibale Ruccello, con Silvana Luppino e la regia di Cristian Maria Parisi

Spettacolo-teatrale
Sabato 19 Ottobre 2019 - 0:0

                                                                                                                                                                                                 di Simone Carozzo

 

Nuovo appuntamento con la stagione del Teatro della Maruca

La messa in scena del testo “Anna Cappelli” di Annibale Ruccello, porta il pubblico nella vita della protagonista,  una donna provinciale, impiegata comunale, piene di frustrazioni e solitudine, con la ricerca ossessiva della stabilità e della sicurezza economica e sociale. Nei suoi dialoghi con i personaggi virtuali fuori scena, esterna tutto il tuo malessere, sociale e psicotico, prima con la signora Tavernini con cui condivide l’appartamento con cucina in comune, e poi con il facoltoso ragionier Tonino Scarpa, unica speranza di cambiare la propria triste vita. Pur di vivere nella grande casa di quest’ultimo, sceglie di andare contro gli schemi sociali degli anni 60, decidendo di andare a convivere con un uomo senza essere sposati. La signora Tavernini rappresenta le convenzioni sociali e quindi l’idea di un matrimonio in chiesa,  mentre Anna si mostra emancipata, parlando di convivenza come di un rapporto moderno. Il testo di questo antropologo napoletano scomparso negli anni 80, indaga l’animo umano, attraverso un testo che mescola ironia e cinismo, fino ad arrivare alla drammaticità.

La bravura di Silvana Luppino è quella di riuscire a rendere presenti i personaggi con lui lei dialoga nei sette piccoli atti che compongono opera, facendoci sentire gli odori dell’appartamento che condividere con la signora Taverniti, e grazie ad una ottima mimica riesce a trasmette tutti i diversi stati d’animo che muta nel corso della piace teatrale. Buona anche la scelta registica con uso del televisore, unico compagno nella tristezza e solitudine della vita della protagonista, che ci aiutano con le reclame che scorrono ad entrare nel ambientazione del boom economico italiano.

https://www.youtube.com/watch?v=CiijbphKEZg




CrotoneInforma.it