Quantcast

Per i privati cittadini il lockdown degli impianti sportivi permane

Lega Salvini Crotone: "A Crotone il lockdown…continua".

Riceviamo e Pubblichiamo:

Poche settimane fa, a proposito degli impianti sportivi comunali, la Commissaria prefettizia dichiarava:

… la volontà specifica dell’Ente è quella di mettere le sue strutture a disposizione delle associazioni sportive e dei cittadini…Tuttavia, nonostante quanto avvenuto, il Comune non si è fermato, prevedendo soluzioni che possano finalmente dare risposte positive in tema di pratica sportiva a tutta la collettività.

Successivamente, come è noto – afferma una nota della Lega Salvini Crotone – i suddetti impianti sono stati affidati ad AKREA che all’uopo ha dovuto modificare il proprio statuto.

È notizia, poi, degli ultimi giorni che Akrea abbia reso noto le tariffe e le modalità per accedere agli impianti.

Ebbene, sulla irragionevolezza e impraticabilità delle tariffe si sono già pronunciate non solo le società sportive interessate, ma anche il nostro candidato a sindaco avv. Manica, nonché tutti i massimi esponenti istituzionali dello sport locale.

Qui si vuole mettere in risalto un altro aspetto: nessuna indicazione viene data per l’accesso al settore B (senza utilizzo degli spogliatoi o dell’impianto di illuminazione) da parte dei singoli cittadini non appartenenti ad associazioni sportive, né indicazioni circa l’utilizzo nelle more dell’esito dei bandi; eppure la pista di cui sopra era frequentatissima da persone di ogni età e condizione fisica, che correvano o semplicemente camminavano evitando di farlo tra i fumi del traffico o fra i cumuli di immondizia

Non è possibile utilizzare i c.d. PUC (Progetti Utili per la Collettività) per i percettori del reddito di cittadinanza o recuperare sia pure in parte alcuni dipendenti Akrea ex ausiliari del traffico, rimasti a spasso, per lasciare l’impianto aperto per qualche ora al giorno, si ripete senza l’utilizzo degli spogliatoi o dell’illuminazione, a disposizione dei privati cittadini?

Come direbbero i presentatori di miss Italia: a Crotone il lockdown…continua!