Arcuri: “Tredici mila ingressi al Parco archeologico di Capocolonna”

"Così come riportato nella lettera aperta sottoscritta da un gruppo di cittadini, impongono una riflessione attenta”

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

Tredici mila ingressi al Parco archeologico di Capocolonna, così come riportato nella lettera aperta sottoscritta da un gruppo di cittadini, impongono una riflessione attenta ed anche un’assunzione di responsabilità che deve essere sì politica, ma che è soprattutto civica.

Avere una classe politico-istituzionale in grado di far sentire la voce di Crotone, in grado di essere motore propulsore per avviare processi virtuosi in grado di valorizzare, tutelare ed accrescere il patrimonio archeologico, storico, culturale, paesaggistico ed anche umano presente è condizione indispensabile e non più rinviabile.

Il senso di appartenenza e la voglia di difendere tutto quello che abbiamo è grande, lo dimostrano le azioni, su base volontaristica che quotidianamente cittadini organizzati in associazioni e anche individualmente mettono in campo, come in questo caso.

La tenacia  e la caparbietà con le quali questi cittadini stanno accendendo i riflettori devono essere supportate, occorrono azioni concrete per restituire centralità a Crotone, alla sua storia ed al suo patrimonio identitario unico.

Scrivono bene Danila, Antonio S., Ilaria, Pasquale, Luigi, Antonio P.,  Tatiana, Antonio G. e Antonio P.:Crotone ha perso l’occasione di far conoscere la sua storia e i suoi reperti ai quasi 13 mila visitatori che l’hanno scelta come meta per le loro vacanze”.

Più informazioni su