Fasce deboli: un clima surreale di isolamento

Riceviamo e pubblichiamo la denuncia di Barbara Ventura, Responsabile del Dipartimento Pari Opportunità e Disabilità per la Provincia di Crotone di Forza Italia.

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

“Un clima surreale, derivante dall’evolversi della pandemia. Questo è quello che stanno vivendo in maniera esponenziale le persone più deboli che versano nel totale isolamento, tanto che non fanno mai rumore. Tanti sono i crotonesi che non hanno la forza di urlare o di manifestare, perché appartengono a quelle categorie emarginate che vivono di più la sofferenza”. Con queste accorate parole inizia una nota stampa del Responsabile Per la Provincia di Crotone del Dipartimento Pari Opportunità e Disabilità di Forza Italia Barbara Ventura, che cosi prosegue: “il mio pensiero è rivolto alle persone anziane non autosufficienti, ai senza tetto, ai bambini che vivono la povertà dei genitori, a coloro i quali soffrono di disturbi mentali o che sono, purtroppo, legati a svariate forme di dipendenza.
Non fanno rumore perché sono fragili, invisibili, non hanno la forza di protestare ed è per questo che poi sprofondano nel baratro interiore. Per tale ragione dovrebbero essere tutelati dai servizi sociali competenti per territorio non che, molto spesso, vengono intercettati, per fortuna, da enti caritatevoli. A Crotone, così come nel resto d’Italia, servirebbe che venisse attuata la cosiddetta “presa in carico”, che rappresenta il pilastro delle politiche sociali, da parte dei rappresentanti dei servizi comunali che coadiuvati dalle reti di volontariato dovrebbero mettere in esecuzione quell’azione amorevole in grado di non trasmettere senso di abbandono e far uscire da quel senso di solitudine che affligge le persone più deboli.

Ed è per questo che il Comune di Crotone dovrebbe garantire assistenza domiciliare, che non solo aiuti le persone anziane ed i propri familiari a svolgere le funzioni primarie, ma offra ascolto, compagnia, o al minore che fa fatica nello studio o nella relazione con gli altri bambini lo stimoli nella creatività e gli trasmette fiducia. Che aiuti la persona a compilare i tanti moduli per accedere ai bonus a cui hanno diritto. Che offra soprattutto sollievo ai genitori di figli diversamente abili. Tutto ciò dovrà servire per costruire tanti tavoli di condivisione con associazioni e volontariato al fine di prevenire il disagio, promuovere il benessere psicofisico ed evitare l’emarginazione dei soggetti invisibili. A questo punto mi domando se dal dolore della pandemia nascerà una nuova primavera al comune di Crotone, in particolar modo nell’ambito delle politiche sociali. Quali azioni urgenti vorrà intraprendere l’amministrazione comunale in carica per lenire la sofferenza dei tanti cittadini crotonesi? Questa emergenza lascerà una lacerazione profonda nelle coscienza – conclude Barbara Ventura – Dovere delle istituzioni è pensare a colmarle sin da ora nell’esser vicini alle categorie deboli e protette con progetti specifici”.

Barbara VENTURA
Responsabile del Dipartimento Pari Opportunità e Disabilità per la Provincia di Crotone di Forza Italia

Più informazioni su