Quantcast

Basta deroghe e rinvii; ora interventi immediati di ripristino e di consolidamento

Le parole del Presidente f.f. dell Provincia, Simone Saporito, in seguito all'incontro di ieri con il Consiglio Regionale.

Sono stati giorni difficili e quelli a seguire non saranno semplici. Il nostro territorio è stato duramente colpito, attività imprenditoriali, artigiani, commercianti e anche abitazioni private sono state compromesse, le infrastrutture locali sono state danneggiate, e almeno trenta strade provinciali hanno richiesto interventi urgenti per la messa in sicurezza a causa di frane, smottamenti e detriti. Nel 1996, e più di recente nel 2018 il territorio crotonese ha subito danni, nel 1996 alla grave alluvione che ha portato via anche sei persone, il Governo Prodi rispose con risorse ed interventi a sostegno dell’economia, in quella circostanza nacque lo ricordiamo tutti la Datel. Oggi è necessario ed urgente un intervento di pari entità se non maggiore per far fronte ad un’emergenza che si è aggiunta ad una condizione emergenziale sanitaria, economica e sociale che rischia di compromettere ogni ipotesi di ripresa e sviluppo. Noi, al contrario di altri territori, non possiamo contare su grandi infrastrutture, la nostra è una rete di collegamenti piccoli che se compromessi rischiano di isolare comunità e territori. Lo abbiamo visto in questi giorni con la chiusura ed interdizione al traffico del tratto della statale 106 in corrispondenza del ponte sul fiume Neto, e la conseguente deviazione del traffico sulle arterie viarie provinciali.

All’encomiabile lavoro di sua eccellenza il Prefetto di Crotone Dr.ssa T. TOMBESI, delle Forze dell’Ordine, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Vigili del Fuoco, dei volontari della protezione civile, di Calabria Verde, del Consorzio di Bonifica, che hanno effettuato interventi in alcuni casi straordinari, dimostrando valore, coraggio e dedizione, devono seguire azioni ed interventi da parte di chi governa ed amministra. L’arrivo in città del ministro Boccia e del capo della protezione civile Borrelli prima, e poi l’arrivo della giunta regionale e del presidente facente funzioni Spirlì, fanno ben sperare in un’attenzione finalmente adeguata nei confronti del territorio crotonese. La Regione si è dimostrata disponibile ad aiutare gli enti locali ed i cittadini, a fare in modo che le procedure siano rispettate e non ci siano intoppi come quelli accaduti nel recente passato, e per questo farà da raccordo e coordinamento e programmazione. Partiranno gli interventi immediati di ripristino e di consolidamento, il Presidente Spirlí e la Protezione Civile Nazionale hanno assicurato interventi tempestivi. Adesso subito all’opera senza ulteriori deroghe o rinvii.