RSU di Akrea, replica ad alcune dichiarazione rilasciate dal sindaco in una intervista

Il destino ha riservato alla nostra città già troppe sciagure, per favore non aggiunga la sua

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

Come lavoratori di Akrea e in qualità di RSU siamo sconvolti e amareggiati, rigettiamo con forza e determinazione le parole del Sindaco della città di Crotone, il quale in una sua recente intervista, dichiara in qualità di primo cittadino, quello che dovrebbe dare l’esempio, di voler fare piazza pulita di noi fannulloni e malaticci operai della sua città. Vorremmo ricordare, a corredo della sensazionale elucubrazione politica, di ampio respiro, così ampio da ricordarci l’olezzo dei rifiuti che ogni giorno respiriamo per ore e senza nessuna tutela, mentre il signore se ne sta bel bello seduto sulla poltrona a rilasciare interviste, che noi siamo figli di questa città, che amiamo, perché solo un atto di amore ci ha tenuti saldi di fronte all’indegna, quotidiana e sistematica denigrazione delle nostre persone e del nostro lavoro, perpetrata da chi ci avrebbe dovuto tutelare e che al contrario ci ha reso carne da macello. Si vuole unire anche Lei signor Sindaco? Prego lo faccia pure. Ma si ricordi chi ama davvero Crotone non minaccia ma chiama a raccolta, chi ama Crotone non punisce ma educa e questo Lei lo dovrebbe sapere. Il destino ha riservato alla nostra città già troppe sciagure, per favore non aggiunga la sua.

Giovanni Mungari
RSU Akrea

 

Più informazioni su