Quantcast

FdI: nomina di Don Fortunato “è un forte segnale e messaggio di speranza per la nostra comunità”

"Oggi più che mai l'essere umano ha bisogno di esempi e di uomini di fede e Don Fortunato lo è sempre stato con la sua massima umiltà"

Riceviamo e Pubblichiamo:

In un periodo così difficile per la nostra comunità assistere alla consacrazione di una nuova figura ecclesiale quella di Don Fortunato Morrone nominato ”Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria – Bova”, il 3° di Isola di Capo Rizzuto dopo Mons. Pino Caizzo “Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Matera Irsina” e Mons. Antonio Staglianò “Vescovo di Noto” è un forte segnale e messaggio di speranza per la nostra comunità, espressione che ancora una volta Isola di Capo Rizzuto sforna uomini e donne di grande valore. Don Fortunato Morrone ”figlio” di Isola di Capo Rizzuto non ha sicuramente bisogno di presentazioni, tanto da poter affermare con forza di essere orgogliosi della sua nomina, per la sua semplicità, la sua preparazione, la sua pacatezza e per la sua passione in tutto quello che fa, ma soprattutto per l’amore verso la sua terra natia che porta con se con orgoglio, ovunque vada. L’emozione, nelle parole di Don Fortunato durante il suo discorso, sono state le stesse emozioni che abbiamo provato noi nell’ascoltarlo, perché siamo convinti che anche se lontano, solo fisicamente dalle sue comunità, continuerà ad essere sempre presente, ma allo stesso tempo contribuirà a portare avanti la sua missione di crescita umana e spirituale anche a Reggio Calabria. Oggi più che mai l’essere umano ha bisogno di esempi e di uomini di fede, e Don Fortunato lo è sempre stato con la sua massima umiltà.

FRATELLI D’ITALIA CIRCOLO
DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO