Quantcast

Benedetta Ventura: “attacchi inaccettabili alla Commissione Pari Opportunità”

"Invito vivamente la maggioranza e le consigliere di Pari Opportunità a non utilizzare la commissione come ring in cui scaricare le proprie insoddisfazioni".

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

Quello che sta accadendo in questi giorni nella e intorno alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Crotone è a dir poco inaccettabile. Che una commissione di tale importanza finisca sui giornali per beghe e polemiche che nulla hanno a che fare con il delicato tema che, invece, si dovrebbe affrontare è vergognoso. Avevamo chiesto, fin dal giorno dell’insediamento, di tutelare la Commissione Pari Opportunità dalle dinamiche interne alla maggioranza. La missione istituzionale di questa commissione è troppo alta e merita una profonda analisi dei propri comportamenti prima di svilirla alla pari di tutto ciò che, quotidianamente, sta succedendo dentro il palazzo comunale. Avevamo chiesto di realizzare un lavoro di squadra, armonico e con l’unico interesse di tutelare la parità di genere, di difendere i più fragili, di restituire i diritti agli emarginati, uomini o donne che siano. Ma nonostante le nostre richieste e le assicurazioni della maggioranza, compreso quelle degli assessori che spesso partecipano alle riunioni di commissione, niente di tutto questo è stato fatto. Le dinamiche della maggioranza che hanno messo in evidenza una palese spaccatura della stessa stanno occupando lo spazio della commissione P.O. Negli ultimi incontri si è assistito purtroppo a polemiche da bar che riguardano conflitti personali che nulla hanno a che vedere con il ruolo politico che ognuno riveste.

I cittadini hanno bisogno di risposte concrete, siamo in una pandemia mondiale in cui la gente ha perso il lavoro, gli studenti sono in d.a.d., le donne hanno sulle loro spalle la gestione delle famiglie. E invece di orientare la nostra attenzione sulle problematiche che colpiscono quotidianamente i nostri concittadini, assistiamo a invettive continue, sterili e svilenti tra un consigliere di maggioranza e un altro. Qualcuno potrebbe pensare che chi rappresenta la minoranza debba sfregarsi le mani e sorridere davanti a questi continui scontri e diverbi tutti interni alla maggioranza Voce. Ma per chi, come noi, avverte la responsabilità dell’importante ruolo affidatoci, non può essere soddisfatta di questa situazione. Prendo le distanze da tutti coloro che vivono la commissione come palcoscenico su cui mettere in atto i propri protagonismi. Per me appartenere a una commissione del genere ha un valore di grandi proporzioni e con tutte le mie forze farò in modo che si possa mettere in opera i tanti progetti che riguardano le pari opportunità. Invito vivamente e a gran voce la maggioranza Voce e le consigliere di Pari Opportunità a non utilizzare la commissione come ring in cui scaricare le proprie insoddisfazioni, che nulla hanno a che fare con la missione della commissione stessa. Invito, pertanto, tutti a ridimensionare i toni e a ricordare a tutti che il palazzo comunale è la casa dei cittadini e non il tinello o la lavanderia di casa propria.

La Consigliera P.O.
Benedetta Ventura
#CrotoneCittàdiTutti

Più informazioni su