Quantcast

Belvedere: “Cerrelli avversario leale, al disopra di interessi personali”

Presidente Sezione calabrese Associazione nazionale libero pensiero Giordano Bruno, analizza la scelta di Giancarlo Cerrelli di lasciare la Lega.

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

Giancarlo Cerrelli lascia la Lega di Salvini e gli va riconosciuto l’onore delle armi. E’ stato un avversario leale, decisamente al disopra di interessi personali così di moda. E per questo non poteva non allontanarsi dal mondo leghista. La cronaca politica e giudiziaria registra qualche giorno fa la condanna – con pene più severe di quelle chieste dal PM, per peculato, turbativa d’asta e frode fiscale – di due commercialisti “padani” vicini a Salvini. Non saranno gli ultimi. In fin dei conti il partito di Salvini ha sempre avuto un certo occhio al business, le speculazioni finanziarie, i diamanti, le società immobiliari di epoca bossiana, per arrivare ai 49 milioni di euro, abusivamente presi dalle casse pubbliche ma c’è da scommettere non si fermano qui. E per non farsi mancare niente con FI la Lega, ha restituito senza vergogna i vitalizi ai parlamentari. Con queste premesse, a livello nazionale e locale non mancano i cortigiani, i rampanti con la vita politica legata solo ai capricci del capo. Un capo che è stato tutto e il suo contrario, secessionista, poi nazionalista, oggi europeista. Ma si sa, tutto questo non conta per gli arrampicatori con le corna sull’elmo: politicamente si riposizionano in continuazione e a forza di girare, cadono.

Rolando Belvedere 
Presidente Sezione calabrese Associazione nazionale libero pensiero Giordano Bruno

Più informazioni su