Quantcast

L’incapacità politica di un Sindaco che punta alla presidenza della provincia

L'incapacità di questa giunta comunale è ormai, credo, sotto gli occhi di tutti. In un anno sono stati capaci di perdere bordate di finanziamenti utili a ridare dignità ad una città che vige in stato di totale abbandono.

Al peggio non c’è mai fine, è il caso di dirlo anche questa volta. Dopo un anno di amministrazione con record al negativo e debacle raccolte una dopo l’altra, il sindaco più amato di Crotone (almeno a detta dei pochi sudditi rimasti fedeli) ambisce alla fascia di presidente della Provincia. Nonostante la maggioranza sgretolata, basti vedere l’ultimo consiglio comunale deserto, l’impeto spavaldo del primo cittadino non si è spento e così, nella giornata di ieri, ha presentato le due liste dei candidati alla carica di consiglieri. Ahi noi, che ci aspetta. L’incapacità di questa giunta comunale è ormai, credo, sotto gli occhi di tutti. In un anno sono stati capaci di perdere bordate di finanziamenti utili a ridare dignità ad una città che vige in stato di totale abbandono. 52 milioni di euro persi , tra i quali figurano i 15 milioni destinati alla riqualificazione delle scuole nel quartiere Fondo Gesù (l’illustre assessore Sorgiovanni non ha speso parola a tal riguardo); i 3.800.000,00 di fondi regionali destinati ad interventi al depuratore e alla rete fognaria nella frazione di Papanice; i contributi per gli interventi sulla viabilità; i fondi per la rigenerazione urbana e infine i finanziamenti per la promozione di eventi per la stagione estiva e per la riqualificazione degli impianti sportivi. A questi aggiungiamo poi il silenzio da parte degli assessori interessati sugli scuolabus, un servizio che in teoria sarebbe dovuto partire a settembre con l’apertura delle scuole e al pari anche la mancata apertura, ancora, degli asili nido comunali. A questo poi possiamo aggiungere anche le ormai encomiabili contraddizioni e gli epiteti del primo cittadino che, anche se lontano dai social, continua a collezionare performance da comico zeligghiano. Infine, mi consentirete di aprire una parentesi sull’ormai imminente arrivo del Natale. Mentre nelle altre città (esempio Lamezia, Catanzaro, Cosenza, Vibo, Reggio Calabria) hanno preso già il via numerose iniziative natalizie, a Crotone non si hanno soldi neanche per le luminarie cittadine e cosa ci attenderà solo Dio lo sa. Intanto, concedetemi di fare un plauso ai commercianti che nonostante le difficoltà di questi ultimi anni, causa Covid, donano nel loro piccolo un contributo donando colore alla città.