Quantcast

Sindaco su comunicato di tre consiglieri di maggioranza

"Scomodare Tocqueville per una festa natalizia dà il senso e la misura di quanto profondo sia lo scollamento di alcune persone dalla realtà".

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

Scomodare Tocqueville per una festa natalizia dà il senso e la misura di quanto profondo sia lo scollamento di alcune persone dalla realtà. Confesso che sono piuttosto stanco dell’enunciazione di massimi sistemi attraverso  compitini da terza elementare finalizzati, tra l’altro, a dividere i “buoni” dai “cattivi”. Ai miei consiglieri di maggioranza colti, dopo mesi di silenzio quando era opportuno e doveroso da parte loro sostenere e valorizzare l’operato dell’amministrazione, da improvvisa loquacità e da accelerata grafomania dico: ci si candida da consiglieri comunali per il bene collettivo non per impartire lezioni di etica e di morale un tanto al chilo. Per usare una loro definizione, il “far politico”, termine più da “maestrini” che da consiglieri comunali, consiste nel proporre progetti, collaborare alla costruzione di essi, intervenire sulle questioni concrete che interessano la gente e non divagare sul sesso degli angeli. Giro loro lo stesso invito: “arriverà il momento in cui si dovrà rispondere e rendere conto delle proprie azioni”. Bene, per loro questo momento è arrivato. Non ho registrato fino a questo momento una proposta, una, che possa essere annoverata a  loro  merito. Ne prendano atto. Io l’ho già fatto. Se non condividono più il progetto, li ringrazio per quanto fino ad oggi “non fatto” e si determinino al riguardo. Lo facciano senza quella “superficialità” e “leggerezza” che imputano agli altri ma che è stata una costante di un comportamento che fino ad oggi ha solo contribuito a danneggiare l’interesse della comunità cittadina.

Il sindaco
Vincenzo Voce

Più informazioni su