Quantcast

Kroton , Sybaris e Locri Epizefiri, candidati a siti Unesco

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

È inutile, oserei dire banale, pensare di utilizzare risorse per valorizzare l’inestimabile preziosissimo patrimonio culturale e archeologico sul promontorio di Capocolonna se, preliminarmente, non si affrontano in maniera seria, e scientificamente supportata, le problematiche dell’erosione costiera, dell’erosione del suolo e del dissesto idrogeologico che interessano e aggrediscono il promontorio Lacinio nella sua interezza.
A questo riguardo, seppur con tutti i limiti sui quali, almeno per il momento, vorrei sorvolare , ho valutato positivamente i lavori per la messa insicurezza della fragile e instabile falesia  su cui è arroccata la Chiesa dell’Annunziata. Opere di somma urgenza, concertate tra  gli  Uffici  centrali e periferici del Ministero della Cultura  d’intesa con il Comando  Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale-Nucleo Cosenza,  e resesi necessarie  dopo  il  violento  nubifragio  che  si  è  abbattuto sulla città e sul  promontorio nel mese di novembre 2020. Credo che, mai come in questo caso, fossero lavori improcrastinabili per evitare la scomparsa definitiva del promontorio e con esso tutto quello che di rilevante, dal punto di visto storico ed archeologico, in esso si trova. E non penso di appartenere alla schiera dei catastrofisti, Tutt’altro. Per quanto riguarda il promontorio Lacinio io ho sempre creduto, e oggi lo credo ancor di più, che la sua marginalità e , in parte, il suo degrado, non fosse solo un problema di risorse , se non parzialmente , e che , in realtà,  fosse una mancanza di visione strategica di una città alla perenne ricerca di una sua identità dopo la dismissione industriale. Le risorse c’erano e, oggi, ci sono ,  e sono quelle legate al dissesto idrogeologico e alla difesa del suolo all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza, . A cui , e non è solo una provocazione , potrebbero aggiungersi quelle dell’Antica Kroton che era un progetto di grande rilevanza strategica che prevedeva la creazione di un grande attrattore culturale nell’area settentrionale dell’ antica città magno greca e che , lasciato in mano a quattro decerebrati ,  si è ridotto a un misero e miserevole  progetto di riqualificazione urbana . Un operazione inutile e che probabilmente si perderà in mille rivoli. Irrisori . E  irrilevanti . E che invece, stante così le cose, le risorse dell’Antica Kroton, sommate a  quelle del dissesto idrogeologico e della difesa costiera e del suolo, potrebbero rivelarsi ed essere risorse importanti  per una straordinaria progettualità a salvaguardia e per la messa in sicurezza del promontorio Lacinio , che , a questo punto , potrebbe diventare un grande attrattore culturale della Riva Sud d’’Europa. Per questo plaudo , seppur con riserva, al Mibact che prima di intervenire sul patrimonio archeologico esistente ha deciso di proteggerlo con la messa in sicurezza della falesia a cui , da notizie in mio possesso, si aggiungeranno altri interventi di protezione e di messa in sicurezza del promontorio .  Mossa oculata , e direi anche azzeccata, qualunque cosa se ne dica e qualunque cosa ne diranno  i Soloni di casa nostra. E’ da qui che senza perdere tempo bisogna partire  e iniziare un percorso di attività che potrebbe aiutare lo sviluppo e la rinascita del territorio. L’area di Capocolonna , ce lo diciamo da decenni, può dare molto alla città sia in termini  turistico culturali e sia in termini ambientali , attesa la presenza della zona di riserva integrale di una delle più grandi  aree  marine  protette d’Europa.

Quindi , sotto quest’aspetto , lavorando molto e molto seriamente , e senza continuare a trastullarci con la nostalgia di un passato che non può ritornare, non troverei poi tanto assurda e peregrina l’idea di proporre al governo regionale , prima , e a quello nazionale, poi,  le candidature delle aree archeologiche di Capocolonna, di Sybaris e di Locri Epizefiri  , a siti riconosciuti dall’Unesco quale patrimonio dell’umanità. Senza dimenticare che la cultura e il turismo , nel nostro caso legati all’ambiente , sono e possono essere una risorsa importante per il nostro territorio e per l’intera fascia jonica calabrese ,  dove si è consumata la nostra storia, dove risiedono le nostre tradizioni e dove aleggia il nostro futuro.  Basta convincersene. Senza giocare allo scaricabarile e, soprattutto, al benaltrismo. Tra l’altro in una visione nuova e ambiziosa del futuro di Crotone  , che non può che partire  dal mare, l’area che parte da Capocolonna dovrebbe essere il primo tassello da incastonare nell’ideazione del nuovo waterfront cittadino che da Capocolonna arriva sino  alla foce del fiume Neto .  Realizzazione del nuovo waterfront  da far precedere , senza inutili e risibili scontri frontali con Eni , dalla bonifica vera reale e , soprattutto, veloce della zona industriale,  con il trasferimento integrale del materiale di risulta in una discarica di servizio , e dalla delocalizzazione, nella zona industriale già esistente al confine tra i comuni di Crotone e Scandale,  di tutti gli opifici industriali , almeno di quelli più impattanti dal punto di vista ambientale, presenti nella parte a Nord , quella per intenderci tra le ex aree industriali e la foce del fiume Neto. Questa la sfida che ci attende e per cui vale la pena di lottare e , forse, di amministrare l’antichissima e nobilissima città di Crotone. Il resto , a mio parere, sono quisquilie e pinzillacchere che lascio volentieri a quanti sui risentimenti , sui rancori e sui veleni sparsi e seminati a piene mani al pari delle loro sciocchezze e delle loro stupidaggini hanno costruito le loro  momentanee fortune politiche destinate , come del resto  tutte le cose effimere, a sparire nel breve volgere di un battito d’ali di una farfalla.

Giovanni Lentini

Più informazioni su