Quantcast

Convegno Confindustria sulle reti del Mediterraneo

Le conclusioni saranno affidate al Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto

Più informazioni su

    riceviamo e pubblichiamo.

    Si parlerà di Reti del Mediterraneo. Territorio, Ambiente, Mobilità il prossimo 30 maggio a Crotone, durante l’evento organizzato da Unindustria Calabria e Confindustria  presso l’Alkmeon Dental School. L’occasione sarà utile per confrontarsi su una nuova visione della Calabria nel Mediterraneo ed in Europa. I lavori saranno aperti dalla relazione del prof. Vittorio Daniele, Ordinario di Politica Economica dell’Università Magna Grecia, di Catanzaro e vedranno la partecipazione dell’ On. Gelsomina Vono, Vice Presidente Commissione Lavori Pubblici e Comunicazione, Senato della Repubblica, di Fausto Orsomarso, Assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Mobilità, di Federico Maurizio D’Andrea, Commissario ZES Calabria  e di  Andrea Agostinelli Presidente Autorità di Sistema portuale dei mari Tirreno meridionale e Ionio. Le conclusioni saranno affidate al Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto. “Per superare i divari che da decenni ci costringono ad essere una vera e propria anomalia nello scenario europeo, dobbiamo avere una visione ambiziosa e strategica dello sviluppo delle infrastrutture in Calabria. Nodi e Reti che devono integrarsi al servizio della mobilità delle persone e delle merci, fattore indispensabile per dare un serio impulso alla capacità produttiva della Calabria e per attrarre nuovi investimenti”, così Aldo Ferrara, Presidente di Unindustria Calabria, sintetizza i temi che saranno oggetto dell’evento del 30 maggio. “La Calabria Jonica così come quella tirrenica, il corridoio europeo e la statale 106, l’Alta Velocita e la linea ferroviaria Jonica, le trasversali di collegamento tra i due versanti, il sistema portuale e quello aeroportuale. Strade e ferrovie devono consentire collegamenti efficienti e sostenibili con i nodi portuali ed aeroportuali per generare sviluppo economico e sociale.” evidenzia Mario Spanò, Presidente di Confindustria Crotone.

    Più informazioni su