Quantcast

Isola di Capo Rizzuto, il PD decide di rispondere al Gruppo consiliare Orizzonti Nuovi: “nostra linea politica non distruttiva”

"Riteniamo infatti, che la politica non è fatta solo di persone ma soprattutto di progetti che devono necessariamente essere sottoposti al vaglio degli elettori e riteniamo doveroso rispettare la scelta di questi nelle urne".

Il Partito Democratico di Isola si era determinato nel non rispondere alle note stampa che hanno fatto seguito alla decisione presa di collocarsi all’opposizione in seno al Consiglio Comunale.
Tuttavia, le dichiarazioni lette sugli organi di stampa, ci costringono ad alcune doverose precisazioni.
Leggiamo con stupore la nota stampa del 6 Giugno del Gruppo consiliare Orizzonti Nuovi (link), scritta in prima persona ma sottoscritta dall’intero gruppo consiliare, con la quale si interviene in maniera gratuita e non dovuta, su una vicenda della quale il capogruppo “scrittore” risulta essere estraneo.
Ad ogni modo e con il rispetto dovuto, il Partito Democratico di Isola di Capo Rizzuto non può accettare giudizi di valore sulla propria linea politica decisa e portata avanti all’unanimità da parte degli organismi eletti democraticamente. A maggior ragione non accetta  tali giudizi da parte di navigati politici per i quali ci risulta, ancora oggi, difficile delineare quale sia la loro linea politica. In particolare per quanto concerne il neo nato gruppo Orizzonti Nuovi, giova rammentate che lo stesso, sotto altro nome ma con quasi i medesimi attori, sosteneva alle elezioni amministrative del 2013 la Giunta Bruno.

Ancora, nell’aiutare il lettore nella ricerca della linea politica del capogruppo di Orizzonti Nuovi, giova rammentare che lo stesso all’esito del primo turno della tornata amministrativa del 2019, al turno di ballottaggio ha sostenuto il candidato a Sindaco di Centrodestra, Maurizio Piscitelli, in quanto riteneva il progetto Vittimberga non idoneo per la città, salvo poi essere folgorato sulla Via di Damasco (leggasi Via Maria Nicoletta – Provincia di Crotone). Discorso a parte merita l’agitare come uno spettro, il “comitato di salute pubblica” avanzato dall’Assessore Cassano. Sul punto è bene chiarire che la locuzione utilizzata appare del tutto inappropriata, infatti un comitato di salute pubblica nella prassi politica si rende necessario in caso di disordine amministrativo ovvero mancanza di agibilità politica. Noi il “comitato di salute pubblica”  lo ravvediamo soltanto nell’esperienza politica dell’ Assessore, da Forza Italia al Partito Democratico fino ad Italia Viva! In ogni caso, riteniamo che non vi sia la necessità di fare ricorso  al comitato di salute pubblica ma il nostro obiettivo  è quello di creare  un progetto politico volto a sviluppare le potenzialità del territorio per cui si sta ragionando, sempre su convergenze, evidentemente non condivise, allo stato, dall’attuale maggioranza. La linea politica del Partito Democratico non è distruttiva come ritenuto. La scelta fatta con coerenza, non mette in alcun modo a rischio la maggioranza in consiglio ma è conseguenza di un mutamento di progetto in corso d’opera rispetto a quello originario. Riteniamo infatti, che la politica non è fatta solo di persone ma soprattutto di progetti che devono necessariamente essere sottoposti al vaglio degli elettori e riteniamo doveroso rispettare la scelta di questi nelle urne. Pertanto, ci sentiamo di smentire categoricamente l’illazione sul comitato di salute pubblica facendo presente sin d’ora che la nostra azione sarà cristallina e trasparente e soprattutto le alleanze che proporremo saranno quelle che verranno sottoposte al voto dei cittadini senza poi mutarle all’interno del Palazzo. Al netto di tutto, il Partito Democratico di Isola di Capo Rizzuto, ribadisce che, su spinta di quanti in questi giorni ci hanno chiesto di voler discutere e dialogare, nei prossimi mesi proporrà la propria visione di Città e la discuterà con le forze di centrosinistra, le forze civiche e  con tutti coloro che hanno voglia di sposare i principi cardine della nostra azione, coerenza, legalità, trasparenza e valorizzazione del territorio.