Quantcast

L’I.I.S. “Pertini–Santoni” di Crotone selezionato tra le due organizzazioni italiane

Dal 25 al 27 Maggio 2021 si è svolta on line  la visita di studio  “Fighting against gender stereotypes”.

Più informazioni su

Dal 25 al 27 Maggio 2021 si è svolta on line  la visita di studio  “Fighting against gender stereotypes” (“COMBATTERE CONTRO GLI STEREOTIPI DI GENERE”), organizzata dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ Francese e IH2EF (di Istruzione Superiore e Formazione) nel quadro della strategia del Programma Erasmus+ per l’inclusione e la diversità. L’attività,  finalizzata a combattere gli stereotipi di genere nell’educazione e formazione, ha visto la partecipazione di circa 30 rappresentanti di 17 Paesi Europei(Austria, Belgio,Cipro,  Croazia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Norvegia,  Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovacchia, Svezia)i quali hanno seguito le sessioni plenarie e preso parte a workshops, confrontandosi e condividendo buone pratiche e politiche educative sul tema. Due le organizzazioni Italiane partecipanti, a seguito di selezione nazionale da parte dell’’Agenzia Nazionale Erasmus+INAPP,  tra cui l’I.I.S. “Pertini-Santoni”, diretto dalla D.S. Dott.ssa IDA SISCA e rapprentato dall Referente Erasmus+ Prof.ssa Ornella Pegoraro, docente di Lingue e Culture Straniere (Inglese). L’attività transnazionale, svoltasi interamente in Lingua Inglese, è stata condotta dagli esperti Dominique QUERE (IH2EF) e Christelle Coët-Amette (Agenzia ERASMUS+, Francia) i quali hanno richiamato la strategia dell’UE 2020-2025 per la parità di genere, riportando le parole del Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen: “La parità di genere è un principio fondamentale dell’Unione Europea, ma non ancora una realtà. Nel mondo degli affari, in politica e nella società nel suo complesso potremo raggiungere il nostro pieno potenziale solo utilizzando tutti i nostri talenti e la nostra diversità. Impiegare soltanto la metà della popolazione, la metà delle idee e la metà dell’energia non è sufficiente”. La strategia per la parità di genere intende accelerare e incentivare i progressi verso la parità tra uomini e donne”, infatti da una lettura dei dati, emerge che solo il 7,5% dei Presidenti del  Consiglio, solo il 7,7% degli Amministratori Delegati, solo il 22% dei programmatori e il 39% dei Membri del Parlamento Europeo sono donne.

Sono intervenuti altri esperti di rilievo (Ispettori, Geografi, esperti in materia di uguaglianza di genere) i quali hanno sottolineato l’uguaglianza tra uomini e donne, ribadendo che l’equità tra uomini e donne è inseparabile dalla vocazione delle scuole della Repubblica che promuove la cultura del rispetto e della comprensione dell’altro. E’ stato proposto l’effetto “role model”, basato sullo sviluppo del carattere e sull’uguaglianza professionale, il quale può aiutare gli individui a avanzare nelle loro vite personali e professionali creando immagini di individui riconoscibili, il cui successo sembra raggiungibile, abbattendo le credenze di stereotipi di genere. E’ stata illustrata una statistica con  la proporzione delle donne negli studi digitali in Europa che è meno del 20%, rilevando che il gap persiste nel settore dell’intelligenza artificiale.  Si sottolinea che gli stereotipi di genere e i pregiudizi sono legati alle attività digitali per mancanza di conoscenza del settore., per cui si suggeriscono dei role models come soluzioni, citando sia le donne di ieri (Ada Lovelace, Grace Hopper, Hedy Lamar) che di oggi (Laurence Devillers –AL; Michelle Simmons –Quantic computing; Joanna Rutkowska – Protezione della privacy). Infine, è stata illustrata  l’utilità di alcuni videogiochi , appositamente programmati da studi al servizio delle imprese e volti al miglioramento delle relazioni umane, ritenendo che essi possano suscitare un coinvolgimento emotivo in uno spazio moralmente sicuro, aiutando a identificare il sessismo nelle imprese e a potenziare la conoscenza personale e collettiva. Infine. sono state presentate le nuove opportunità del programma Erasmus+, per cui i partecipanti hanno partecipato a workshops, lavorando su  future proposte progettuali dirette a incoraggiare un orientamento senza distinzioni di genere. La D.S. Dott.ssa IDA SISCA e la Referente Erasmus+ Prof.ssa Ornella Pegoraro  esprimono massima soddisfazione per la partecipazione dell’I.I.S. “Pertini-Santoni” alla visita di studio e per gli eccellenti risultati conseguiti nel settore della cooperazione europea.

Più informazioni su