Quantcast

Banca Mediolanum firma la convenzione Antisura con la Fondazione Zaccheo di Crotone

Il prestito di soccorso per contrastare il ricorso all’usura. Dal 2009 la banca ha aiutato oltre 200 famiglie.

È stata firmata la convenzione tra Banca Mediolanum, Fondazione Mediolanum Onlus e la Fondazione Antiusura Zaccheo di Crotone per facilitare l’erogazione di finanziamenti a favore di persone con difficoltà di accesso al credito e in condizioni di sovraindebitamento residenti in tutta la regione Calabria.

La pandemia si è ormai spostata sul piano economico e sociale – dichiara Giovanni Pirovano, vice Presidente di Banca Mediolanum e Membro del Comitato di Presidenza ABI – e sono molte le famiglie che si stanno rivolgendo agli usurai per ottenere denaro contante per far fronte a spese primarie. Il ruolo sociale delle banche è quello di prevenire il ricorso all’usura e facilitare l’inclusione finanziaria ai soggetti definiti non bancabili. E l’erogazione del prestito di soccorso ha assunto per Banca Mediolanum un impegno centrale riconoscendo l’importanza di farsi carico delle necessità della comunità. Lo definiamo un processo di indebitamento responsabile che può aiutare il soggetto a rientrare a pieno titolo nel circolo virtuoso della vita, restituendogli la dignità civica e sociale.

Nell’attuale contesto economico in cui sono sempre più vaste le aree di vulnerabilità e con l’obiettivo di prevenire il ricorso all’usura e facilitare l’inclusione finanziaria, Banca Mediolanum e Fondazione Mediolanum Onlus confermano l’impegno sottoscritto a partire dal 2009 a fianco di Fondazioni e Associazioni antiusura attive sul territorio nazionale con progetti sociali orientati al sostegno finanziario delle fasce più deboli della popolazione. Grazie al lavoro dei centri di ascolto parrocchiali e delle fondazioni sul territorio vengono individuate le famiglie e vengono segnalati i relativi casi sui quali la banca interviene con un prestito “di soccorso” senza richiesta di garanzie. Dal 2009 la banca ha permesso a oltre 200 persone, prevalentemente donne con la responsabilità del nucleo famigliare, di superare il momento contingente di difficoltà economica, non solo per la possibilità di accedere al credito, ma insieme alle fondazioni locali, aiutando le famiglie a gestire in modo consapevole il proprio bilancio familiare.

In qualità di Presidente della Fondazione anti-usura Zaccheo di Crotone – aggiunge Don Franco Lonetti – esprimo grande soddisfazione per questa importante iniziativa di concessione di micro credito. Un progetto che da anni la Fondazione Zaccheo tenta di realizzare e che con il supporto di Banca Mediolanum sta finalmente prendendo forma. A loro, il mio grazie più sentito, per questa straordinaria possibilità che potremo concedere alle comunità sempre più sofferenti. Sento di poter dire che adesso, l’opera portata avanti dalla Fondazione Zaccheo è completa. Ci è mancata, finora, l’opportunità di rispondere alle richieste di chi aveva bisogno di sostenere le spese più impellenti, avendo solo a disposizione il Fondo di solidarietà. Una incompletezza dolorosa, che oggi finalmente trova riparo. Una opportunità che speriamo sia da esempio, per il futuro, per quanti credono che sia necessario mettere in atto economie solidali, specie oggi, in un momento storico così drammatico, entro il quale anche i Governi faticano a dare risposte concrete. Tutti dovremo rispondere, con il nostro aiuto, ad una sempre più allarmante e crescente povertà.

Con la convenzione odierna, Banca Mediolanum per tre anni metterà a disposizione della Fondazione Zaccheo di Crotone una linea di credito rotativa con plafond di 150.000 euro che verrà utilizzata per accordare prestiti con rimborso rateale a soggetti in difficoltà, individuati grazie all’attento lavoro della Fondazione in stretta collaborazione con i Centri di ascolto parrocchiali e l’ausilio di volontari qualificati nel settore finanziario. Il rischio di credito delle operazioni di finanziamento accordate graverà sulla Banca al netto della garanzia del 50% riconosciuta dalla Fondazione. Con la sottoscrizione della convenzione tra Banca Mediolanum, Fondazione Mediolanum Onlus e Fondazione Zaccheo, la Banca si impegna ad erogare prestiti rateali a soggetti considerati non bancabili con durata massima di 5 anni (60 mesi) – nei limiti del plafond rotativo sopra indicato – per un importo massimo per ogni singolo finanziamento di euro 10.000. Con la convenzione di oggi, salgono a 10 le Fondazioni associate alla Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II” con cui la Banca ha stretto accordi garantendo così l’impegno nelle seguenti regioni: Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Sardegna, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, Campania e Calabria per un plafond rotativo complessivo di euro 2.400.000.