Quantcast

Akrea Spa, l’azionista approva il bilancio 2020

La sintesi del presidente Giglio.

Più informazioni su

L’assemblea dei soci ha approvato venerdì 25 giugno il bilancio di esercizio 2020 dell’Akrea Spa, che si è chiuso in positivo. In rappresentanza del Comune, socio unico, hanno partecipato la vicesindaca Rossella Parise e l’assessore a Bilancio e Società partecipate, Antonio Scandale. Per la società in house erano presenti l’organo amministrativo e il Collegio sindacale. Nella sua relazione introduttiva, il presidente del Cda, Gianluca Giglio, ha passato in rassegna gli eventi che hanno contrassegnato l’anno trascorso. “Il 2020 – ha premesso il presidente della società in house – è stato un anno caratterizzato da forte discontinuità. Abbiamo avuto almeno quattro emergenze rifiuti, tra cui una, molto problematica, legata all’alluvione di novembre. Sono stati eventi che hanno profondamente condizionato le scelte operative e, di conseguenza, i risultati, anche se siamo riusciti ad affrontarli con successo grazie alla sinergia tra gestione e proprietà”.
“Akrea – ha proseguito Giglio – nei primi nove mesi ha indirizzato i suoi sforzi verso la stabilizzazione dell’organizzazione e l’equilibrio economico e finanziario, per poi dedicarsi, nell’ultimo trimestre, al progetto di rilancio dell’attività. Proprio in questo periodo abbiamo noleggiato i primi automezzi, aumentando la flotta disponibile seppure non in modo strutturale, e abbiamo integrato l’organico con quindici unità lavorative ex Akros assunti per tre mesi e adibiti in particolare ad attività di spazzamento”.
“Nonostante le criticità, gli indicatori ci restituiscono un quadro alquanto positivo, se si considera che la percentuale di raccolta differenziata è stata praticamente raddoppiata rispetto agli anni precedenti, attestandosi a oltre il 17%, così come è anche aumentato il livello complessivo della qualità dei servizi grazie anche a una rinnovata intesa con i fornitori. “In proposito – ha precisato il presidente di Akrea – mi preme sottolineare l’importanza di poter disporre di fornitori competitivi sul territorio, anche per gli effetti virtuosi che riverberano sull’economia locale. Ciò non esclude tuttavia il confronto con altri soggetti e realtà esterne, in un’ottica di dialogo e di trasparenza dei rapporti”.

“In sostanza – ha detto ancora Giglio – il pareggio di bilancio mette in sicurezza la tenuta della società e ci consente di guardare al futuro con maggiore serenità. Il nostro obiettivo rimane il graduale e costante innalzamento delle prestazioni, da perseguire con continuità di intenti e rapidità di decisioni, al fine di dare risposte adeguate alle esigenze della collettività”.
“Perciò ritengo necessario che Akrea torni a investire sul personale interno”, ha chiosato il presidente Giglio. “Le sfide che l’azienda dovrà affrontare richiedono competenze tecnico-gestionali qualificate, che dovranno essere adeguatamente valorizzate. I primi segnali ci sono già con l’ingresso in pianta organica di alcune figure importanti, come il responsabile del personale e il responsabile dei servizi tecnici”.
“Per l’immediato futuro – ha concluso Giglio – l’orientamento della società è quello di ulteriormente migliorare l’organizzazione dei servizi e di implementare la dotazione dei mezzi, per essere in linea con il nuovo servizio di raccolta differenziata avviato in alcuni quartieri. Un servizio che, nel giusto tempo, dovrà perdere l’aggettivo ‘sperimentale’ e diventare una normale pratica in tutta la città”.

Più informazioni su