Quantcast

Sirene sconfitte ma a testa alta contro l’imbattibile Melendugno foto

Era un match proibitivo per le ragazze di Asteriti: "abbiamo giocato come dovevamo"; ora testa alla trasferta di Trani

Le Sirene della Poseidon affrontano a testa alta la capolista Melendugno ma riesce a continuare la sua serie di risultati positivi e porta a casa la sua settima vittoria consecutiva per 3-0. Al Palakro domenica è andato in scena il big match della 7° giornata tra la capolista Melendugno di Mister Veltri e la Pallavolo Crotone di Mister Asteriti che pur consapevole della difficoltà dell’incontro sia dal punto di vista fisico che tecnico tra le due squadre prepara la gara nel migliore dei modi cercando soluzioni tattiche e chiedendo un’attenzione maniacale in ogni azione. Nel Crotone, oltre ai centrali Gambuzza e Anselmo, trovano posto Cosentino e Ranieri in banda, Pioli in regia, Tardini come libero e la sorpresa di Mastrocinque in posto 2, le avversarie rispondono con Kostadinova e Antignano, che mostrano subito il loro alto tasso tecnico degno di serie superiori alle quali si aggiunge Greco da posto 2 sempre pronta a risolvere le situazioni difficili presentatisi durante il match.
Sul 10/4 Mister Asteriti chiama il time out per interrompere le azioni positive del Melendugno, scegliendo poi di inserire Cesario per provare a migliorare la ricezione in difficoltà. L’unico baluardo offensivo in questa fase dell’incontro per la formazione di casa è Mastrocinque che mette a terra ogni tipo di pallone provando a tenere la barca a galla, ma la capolista dimostra la sua elevata qualità e allunga fino alla fine del set chiuso 25/17 in poco più di 20 minuti. Al cambio campo il Crotone rientra in campo con Cesario al posto di Cosentino ma le cose continuano a non girare soprattutto in ricezione che non permette a Pioli di giocare con certezza al centro, i time out di mister Asteriti portano benefici, ed il cambio tra Cosentino e Ranieri migliora la fase di la ricezione, facendo cambiare la partita. Il Crotone recupera break di svantaggio, mettendo in crisi la capolista costretta chiedere entrambi i time out.  Il Cuore delle Sirene è buttato oltre l’ostacolo è porta sul 21/18 il punteggio, davanti al “pubblico” di addetti ai lavori che ospita il Sindaco di Crotone Voce accompagnato dell’Assessore allo Sport Bossi che apprezzano le giocate ma soprattutto l’agonismo messo in campo da entrambe le formazioni, sottolineato da applausi a scena aperta per lo spettacolo offerto, alla fine anche il 2 set è appannaggio della capolista.
Nel 3° set mister Asteriti rischia il tutto per tutto inserendo Mega opposto e spostando Mastrocinque in posto 4 affidandole anche il difficile compito di ricezione, e dando più responsabilità a Cesario e Tardini. La scelta sembra funzionare Anselmo (5 punti finali ed un ottimo 55% in attacco) sigla importanti punti che tengono a galla le Sirene. La Top Scorer per la formazione di casa è Mastrocinque che alla fine della gara realizza ben 16 punti con un ottimo 42 % di positività. Durante questo set il Crotone non molla la presa sul Melendugno che però attinge a tutta la sua qualità tecnica, grinta ed esperienza, per non rischiare di interrompere la sua serie positiva straordinaria che le ha viste vittoriose in tutti i set giocati.  Dopo poco meno di uno ora e mezzo di gioco viene maturata la 7° vittoria per la capolista ed una sconfitta casalinga per il Crotone dal gusto meno amaro, visto la qualità e la grinta messa in campo in una partita molto difficile visto la differenza di tasso tecnico tra le due formazioni.

Mister Asteriti: abbiamo giocato come dovevamo mettendo in difficoltà le avversarie che però hanno tante frecce nel proprio arco per cui trovano sempre soluzioni alle difficoltà, faccio i complimenti a loro ma anche alla mia squadra che sta lavorano e crescendo di settimana in settimana.

Da martedì testa alla trasferta di Trani, bivio fondamentale di stagione.