Quantcast

Ho provato a cambiare ma il 3-5-2 è una certezza per i ragazzi

Mister Cosmi prima della trasferta di Napoli: “cambiare tanto per cambiare ha poco significato".

Meno uno alla gara di Napoli crocevia per la stagione del Crotone; questa mattina la conferenza stampa Cosmi in vista della partita di Sabato. “Il Napoli al completo è una squadra che dovrebbe stare tra le prime quattro” ha detto il tecnico dei rossoblù in apertura, spiegando di come il timore più grande sia rappresentato proprio dall’ampia rosa dei partenopei, piena di giocatori che possono risultare decisivi. “Obbligati a fare una grandissima partita e non è detto che basti”, queste le considerazioni dell’allenatore che, consapevole del divario tecnico tra i due team, rimane sicuramente con i piedi per terra, ma questo non significherà resa incondizionata:

Il calcio può presentare tante sorprese e noi abbiamo la consapevolezza di voler fare una grande partita e questa è l’unica cosa che dobbiamo proporre: fare una grandissima partita, in un grande stadio contro una grande squadra.

Il Crotone recupera Cigarini, che però non ha i minuti nelle gambe, dunque non partirà titolare. A seguito delle positività al Covid-19 da parte di alcuni componenti del “Gruppo Squadra” della Polonia, il Club ha scelto la via della ed ha comunicato che il calciatore Arkadiusz Reca, pur negativo al test, non parteciperà alla trasferta di Napoli, in via prudenziale, torna invece disponibile Luperto (convocati). Unico squalificato Petriccione.
Dal punto di vista del morale, Cosmi ha poi voluto sottolineare che non si può pensare di giocare in maniera spensierata, come qualcuno che non ha più nulla da perdere, perché la troppa serenità non abbinata alla concentrazione, alla rabbia e all’orgoglio, “porta alla sconfitta”.  Il tecnico si è poi soffermato sul discorso modulo spiegando che quando i risultati non arrivano c’è sempre la tentazione di cambiare, cercando di sistemare le cose che non vanno, ma bisogna poi avere la lucidità e l’intelligenza necessaria per capire che “cambiare tanto per cambiare” ha poco significato.

Ho provato a mettere una difesa a quattro giocando con due mediani provando soluzioni diverse, per risolvere quel problema cronico di subire troppi gol. Lo stimolo era quello di infoltire il centrocampo e invece la squadra deve esprimersi con le proprie qualità.

Non sfruttare il reparto avanzato avrebbe significato non poter far esprimere al meglio un attacco, che in pochi hanno quest’anno. Dunque un cambio di prospettiva che da qui alla fine della stagione poterà tutta la squadra a lavorare molto di più sulle proprie certezze, al di là del sistema di gioco: “anche l’aspetto motivazionale e di attenzione ai dettagli in fase difensiva deve necessariamente premiare la capacità di creare gioco ed occasioni che questa squadra ha sempre avuto anche prima del mio arrivo”. Tra le due squadre questo sarà il quinto confronto in Serie A. Gli azzurri hanno sempre vinto in tutti e  cinque i precedenti:
23-10-2016 Crotone Napoli 1 – 2
12-03-2017 Napoli Crotone 3 – 0
29-12-2017 Crotone Napoli 0 – 1
20-05-2018 Napoli Crotone 2 – 1
06-12-2020 Crotone Napoli 0 – 4