Quantcast

La Poseidon Pallavolo Crotone è obbligata a rinunciare ai playoff

La decisione a malincuore è stata presa dalla società, in accordo con lo staff medico, che ha seguito i casi di Covid all'interno della squadra.

La decisione a malincuore è stata presa dalla società, in accordo con lo staff medico, che ha seguito i casi di Covid all’interno della squadra che ha finito il periodo di isolamento il 7 maggio. Attualmente tutte le atlete risultano negative, ma devono seguire il successivo iter per il rilascio delle certificazioni mediche agonistiche post covid, che rende impossibile il prosieguo della stagione. Alla luce di questo la società poteva o scendere in campo in modo simbolico con solo 5 atlete su 15 titolari, in quanto non colpite dal covid, aggiungendo qualche giovanissima Under 13, oppure rinunciare alle partite chiudendo una stagione che definire normale sarebbe un eufemismo. Si è deciso di scegliere la seconda ipotesi, con molto malincuore, sapendo impegno e sacrifici messi in campo da tutte le atlete che hanno raggiunto un risultato inaspettato all’inizio della stagione, visto la giovane età dei membri della squadra. La Pallavolo Crotone, ha già richiesto che venga aperto nelle sedi federali preposte un’indagine per capire se c’è stata una falla nel protocollo anti covid emanato dalla FIPAV o del dolo da parte di terzi, dove è scoppiato il focolaio che ha portato a questa nostra situazione. Inoltre le singole persone o le famiglie, vittime di questa infezione, stanno decidendo di aprire delle ulteriori azioni legali, visto i danni ottenuti sia economici che di salute e visto che addirittura un’atleta è stata ricoverata in ospedale per questa infezione.

Giovanni Capocasale

Stagione da incorniciare, siamo partiti con l’obiettivo “salvezza “ma poi durante l’anno tutti i tasselli si sono incastrati al meglio grazie all’ottimo lavoro svolto dallo staff tecnico. A due giornate dal termine eravamo qualificati per i playoff e con le ultime due vittorie ci siamo posizionati alle spalle della Capolista. Poi il buio del Covid che ha determinato la fine della stagione.

È un grosso dispiacere essere battuti non sul campo ma da questo virus conclude, Nunzia Bossi, sponsor ufficiale – ma “Sirena” con il cuore infuocato per questo finale di campionato, nel quale si era intravisto il grande salto di categoria. Noi della Poseidon rimorchiatori abbiamo visto lungo e con fiducia nelle sirene della pallavolo sia dal punto di vista agonistico che umano . Posso dire che siamo una “Grande Famiglia” e porteremo sempre più in alto il nome della Città di Crotone.