Quantcast

Finalmente 3 punti: e contro la capolista! foto

La squadra di Modesto passa col doppio vantaggio grazie al soilito Mulattieri ed il redivivo Zanellato. Tourè accorcia ma i giovanotti dello Scida sono più forti anche di un direttore di gara davvero brutto!

Procolo Guida dall’Ezio Scida

Il Crotone non è certo l’unica, ma certamente, al momento, la più grande delusione del campionato, tanto che dopo sette partite ancora non ha mai vinto. Non gioca male, ma il collettivo non riesce a reggere per novanta minuti. La rimonta dell’Ascoli nel 2-2 maturato prima della sosta sempre qui allo Scida, ne è la testimonianza più evidente. Il Pisa, al contrario, è la rivelazione di questa Serie B. Capolista, con merito, nell’ultimo turno ha ribadito il concetto all’altra calabrese Reggina, con un secco 2-0 all’Arena Garbaldi-Anconetani. Uomini contati in difesa per Modesto che è sembrato volersi scrollare scorie di dosso nella conferenza pre gara, Cuomo e Nedelceraru potrebbero scambiarsi la zona di competenza, ma, comunque, assieme a Mondonico sono i tre dietro; Mogos e Molina sono i laterali; Redivivo Zanellato è accanto a Estevez (con Vulic in panca); Borello è confermato, non Giannotti, con Maric a supportare Mulattieri. D’Angelo, che non ha gli infortunati Quaini, Berra, Siega e Kucich, rinuncia a Lucca dall’inizio che è tornato dall’under 21 non al meglio, con Gucher nemmeno in panca, opta per Birindelli e Beruatto e non Hermansson con Mastinu dentro e Cohen pronto dalle riserve.

Parte subito alto il Crotone che schiera Mondonico al centro dei tre di difesa e Maric quasi sottopunta rispetto a Borello più trequarti. E subito arriva occasione e vantaggio: l’assist perfetto di Maric per Mulattieri che sbuca dietro alla difesa pisana e batte Nicolas col piatto destro. Sibilli entra in area dal lato corto di destra superando Mondonico. Il numero 6 non riesce a trattenersi e sgambetta da dietro l’attaccante ospite. Baroni indica il dischetto tra proteste e video incerti anche per il Var che ferma De Vitis pronto sul dischetto quasi due minuti. Il Capitano ospite riceve il via e calcia cercando l’angolino alla sinistra di Contini, ma il tiro non è abbastanza forte ed il portiere di casa riesce a deviare, anche non difficilmente, in corner. Si apre così la gara, con il Crotone bravo a non subire imbucate, anzi pronto almeno due volte a poter raddoppiare; ma è al 20’ (dopo l’uscita di Estevez per Donsah) che il Pisa spreca di nuovo il pareggio: cross perfetto dalla sinistra di Mastinu, prolungato sul secondo palo da Touré con la testa, sulla palla si avventa Sibilli che si divora il pareggio appoggiando col destro sull’esterno della rete. L’attaccante ospite era tutto solo, errore clamoroso. Il Pisa ora non riesce a uscire dalla difesa, sulla palla persa malamente da Mastinu al limite della propria area, si avventa al 24’ Zanellato che batte Nicolas con un destro certamente deviato da Caracciolo: goal importante dal punto di vista personale, ma è oggi doppio vantaggio decisivo? La risposta la da il portiere di casa, scuola Napoli, che si supera nuovamente sul colpo di testa di Caracciolo da centro area su azione di calcio d’angolo della capolista. Ci si avvia così ad un finale di primo tempo quasi a senso unico dopo un paio di palle perse di Donsah. E’ nuovamente Mulattieri, al 37’, a mettersi soprattutto in evidenza, bravo a liberarsi in area ed a trovare la porta con un tiro rapido su cui Nicolas deve stare molto attento ad alzare in corner con la punta delle dita. Non riesce a terminare però questa prima frazione con un doppio vantaggio perché Tourè è bravo a mettere dentro di testa una ottima palla di Marsura; peccato perché prima e dopo il Pisa in uscita palla al piede sbagliata, non trova il Crotone a saperne approfittare. Mister Modesto avrà nuovamente da scapigliarsi per mettere i suoi nelle condizioni di portare a casa questi tanto agognati (e questa volta prestigiosi) primi 3 punti di stagione.

Ricomincia la gara con gli stessi 22 che hanno terminato il primo tempo; dopo qualche minuto di cincischiamenti, il Pisa cerca di dare continuità alla pressione anche attraverso due angoli consecutivi, per fortuna ed affanno, sventati. Dal 50’ le due manovre vanno a folate pure abbastanza evanescenti da ambo i lati; con il Crotone pare abbia voglia di imparare la cosa che fino ad oggi ha dimostrato di non saper fare: gestire! Entrano dunque Lucca e Nagy per De Vitis e Mastinu per dare peso, forza e centimetri. Subito dopo si fa male Contini: Modesto per non sprecare il secondo slot con un solo cambio fa entrare anche Giannotti per Mogos. Dopo che Maric non arriva all’appuntamento su una bella palla di Borello, dal 64′ inizia il forcing del Pisa: due angoli e tre azioni in 4 minuti; va bene per il momento. Al 69′ l’arbitro Baroni ci mette di nuovo del suo: fischia una punizione dal limite dove il Crotone lascia solo Tourè (indemoniato oggi) che però questa volta non insacca colpevolmente. All’ennesimo tentativo di assedio, Modesto fa esordire Schirò al posto di Borello. Mancano 15′ più recupero ed il Crotone ha terminato i cambi con questo terzo slot. Dall’80’, dopo un buon controllo Crotone, il Pisa ci riprova; ma ora sembra che i laterali di casa abbiano trovato misure giuste. D’Angelo mette gli ultimi 2 innesti: Di Quinzio e Cohen entrano per Sibilli e Marsura. Ma è nuovamente il Crotone ad essere bravo a tenere la palla lontana da Festa e dai tre dietro, guadagnando anche angoli e calci da fermo. Ci si rimette Baroni a provare con angoli inventati in favore degli ospiti ed un attegiamento davvero brutto. Ma questi giovanotti dello Scida iniziano ad essere terribili a casa loro. Anche sugli angoli in sfavore mostrano calma e sangue freddo anche davanti al gigante Lucca! Vittoria sudata e guadagnata con tutte le armi che servono in questa categoria, tra cui, la determinazione, rimane prioritaria! Bravi!

CROTONE     2  (Mulattieri al 2’, Zanellato al 24’)

PISA               1   (Tourè al 47’ del p.t.)

CROTONE (3-4-2-1): Contini (dal 60’ Festa); Cuomo, Mondonico, Nedelcearu; Mogos (amm. al 33’, dal 60’ Giannotti), Estevez (dal 18’ Donsah), Zanellato, Molina (amm. all’80’); Borello (amm. al 27’ dal 74′ Schirò), Maric; Mulattieri.

All. Modesto

PISA (4-5-1): Nicolas; Beruatto, Caracciolo Leverbe Birindelli; Marin (dal 70′ Masucci), Nagy Touré, Mastinu (dal 56’ Nagy), De Vitis (dal 56’ Lucca), Marsura (dall’82’ Cohen); Sibilli (dall’82’ Di Quinzio).

All. D’Amico

Ha diretto la gara il sig. Baroni