Quantcast

La Pallamano Crotone pronta ad ospitare il Fasano

Il Crotone a caccia della vittoria. Da Conversano è tornata una squadra consapevole che in questo campionato può dire la sua.

Continuità, attenzione e precisione. Tutto questo deve mettere in campo la Pallamano Crotone se domenica mattina alle ore 11 al Palakro vuole avere la meglio sulla Pallamano Fasano. Il solito orario del sabato pomeriggio è stato posticipato su richiesta della compagine pugliese, richiesta che la società crotonese, con in testa il presidente Giancarlo Giaquinta, ha accolto immediatamente e favorevolmente. Dopo il buon esordio della scorsa settimana che ha visto una prova maiuscola della squadra, specie nel primo tempo, il Crotone adesso vuole associare la vittoria alla buona prestazione. Serve dunque continuità perché le gare durano sessanta minuti e oltre non solo un tempo. Sul campo del Conversano i rossoblù hanno fatto la voce grossa, sono partiti forte e tutto lasciava pensare che avevano messo la partita in discesa raggiungendo anche uno strabiliante più cinque. Con il passare di minuti però la confusione e la voglia di strafare hanno prevalso e la maggiore tecnica dei padroni di casa hanno fatto la differenza. Serviranno maggiore attenzione e concentrazione anche in difesa perché non si possono regalare palloni e azioni pericolose agli avversari che non perdonano. Non si devono commettere falli inutili che lasciano la squadra in inferiorità numerica seppur temporaneamente. Servirà maggiore precisione perché i tiri, facili, faticosamente conquistati, devono essere trasformati in gol e non vanno sprecati.
Da Conversano è tornata una squadra consapevole che in questo campionato può dire la sua, ma consapevole anche del fatto che per poterlo fare deve dare sul parquet sempre più del massimo e andare oltre i propri limiti. Questo è l’unico modo per tenere testa alle corazzate pugliesi che sono molto più attrezzate della Pallamano Crotone. Molto probabilmente mancherà anche il terzino Giuseppe Mariano che impegni di studio stanno tenendo lontano dal palazzetto. Un’assenza pesante perché è un giocatore estroso e capace di fare la differenza. Il tecnico Antonio Cusato sta provando varie alternative con la sicurezza che chi scenderà in campo farà di tutto per non far rimpiangere il compagno di squadra.