Quantcast

Un Crotone bello e sprecone; l’analisi del tecnico Marino e di Salvatore Molina

Molina: “Faremo in modo che a breve le cose cambino”.

Dopo l’immeritata sconfitta contro la Spal, il Crotone è tornato questa mattina subito in campo, per preparare il prossimo impegno contro la Cremonese che si giocherà, come anticipo della 17^ giornata, venerdì alle ore 18. Quello di oggi è stato il classico allenamento post gara per i rossoblù con defaticante per chi ha giocato ieri e normale sessione di lavoro per tutti gli altri. Per domani, invece, è in programma una seduta mattutina. Con la sconfitta di ieri i Rossoblù hanno inanellato la 6^ sconfitta nelle ultime 7 gare rimanendo inchiodati alla terzultima posizione a quota 8 punti. Le reti di Melchiorri e Mancosu, in apertura di entrambe le frazioni di gioco, hanno di fatto deciso la sfida, mentre il gol di Kargbo, nel finale di gara, ha solo reso meno pesante il passivo. I pitagorici usciti tra i fischi dello Scida, in una giornata dove hanno raccolto meno di quanto avrebbero a tratti meritato, sembrano non riuscire minimamente a dare una svolta a questa serie di gare “maledette”. Salvatore Molina, uno dei giocatori che forse meglio si è espresso nel pomeriggio di sabato, ha parlato a fine gara di come il Crotone nonostante le prestazioni, continui a non riuscire a portare punti a casa: “è stata una partita dove sono state create diverse palle gol, ma purtroppo anche oggi torniamo con zero punti come a Terni. Nonostante ci sia malumore, perché ci troviamo in questa posizione di classifica, dobbiamo prendere ciò che di buono è stato fatto e penso che ci sia molto da tenere”.
Crotone bravo a reagire dopo il gol in avvio di gara. La squadra, come contro la Ternana, non si è abbattuta ma ha subito cercato di riversarsi nell’area avversaria, senza però concretizzare quanto di buono creato.
Il centrocampista degli squali però è sicuro che continuando a lavorare e giocando in questo modo, le cose inizieranno a cambiare: “Lavoreremo ancora di più per colmare questo gap sulla difficolta che abbiamo nel fare gol. Faremo in modo che a breve le cose cambino”.
Amareggiato Pasquale Marino, che in conferenza stampa aveva descritto ieri, la partita, come la “continuazione della gara contro la Ternana”, viste le tante occasioni create e non sfruttate dai suoi ragazzi.

È una roba allucinante… è impossibile creare tanto e non raccogliere mai. C’è da migliorare questo sì. Ma guardi queste partite e ti sembra impossibile questa posizione di classifica.

Il tecnico continua a puntare il dito verso la caratteristica che proprio sembra mancare ai rossoblù, l’assenza di cinismo: “gli avversari con un’occasione hanno segnato noi abbiamo creato tanto e segnato poco”. Ovviamente, ha voluto evidenziare il tecnico, non si vince che giocando, “se crei poco è difficile vincere”.

La prima cosa che dobbiamo fare è pensare a fare punti, contro chiunque in tutti i modi e sotto questo punto di vista stiamo facendo solo chiacchiere.

Testa ora alla Cremonese, una gara che non sarà per nulla semplice da preparare e sempre Molina ha speso due parole, pensando al prossimo impegno: “la Cremonese è grande squadra, come la Ternana e come la SPAL. Noi dobbiamo giocare sempre come abbiamo giocato oggi e alla lunga ci toglieremo le nostre soddisfazioni”.