Quantcast

Le favole, le consigliere e la legalità da 4 spiccioli tolti alle famiglie foto

Ora, ed una volta per sempre, pubblichiamo determine, delibera (affissa all’albo pretorio solo ieri) e frammenti di memoria che ribadiscono che l’illeicità e l’illegittimità più grandi non riguardano certo i 7mila euro destinati a Sorgente delle Arti.

Più informazioni su

    di Procolo Guida

    Se c’è una cosa intollerabile per davvero è la mala fede! Questa Giunta Voce, tutta e tutt’assieme con più della maggioranza che la sostiene in Consiglio Comunale ha dato più volte sfoggio di incapacità, leggerezza e superficiale inclinazione a mettere pezze a colori ancora peggiori delle strafalcionerie amministrative. E’ accaduto con votazioni ed ordini del giorno in Consiglio Comunale dell’era del Segretario Fortuna, defenestrato solo dopo essere stato usato nei primi mesi. E’ proseguito con le mancate comunicazioni provenienti da Corte dei Conti ed Eni; con gli incarichi ed i bilanci delle partecipate a partire da Akrea e l’improvvida liquidazione di Crotone Sviluppo, per non parlare di impianti sportivi e beni mobili ed immobili pubblici “sperperati”, dimenticati e/o regalati; piuttosto che di finanziamenti bucati ed ignorati; senza aggiungerci il (forse) motivo vero per cui il Segretario Sperandeo sia fuggito notte tempo senza essere nemmeno sostituito, solo perché si doveva salvare la Dirigente più condannata della storia del Comune di Crotone, appunto precedentemente defenestrata da Sperandeo. Abbiamo più volte, anche per le vie brevi e vi sono testimoni illustri, cercato di aiutare palesi inadeguatezze; lo abbiamo fatto nella sostanza e nella forma, sempre mai rinunciando ad un diritto di cronaca che per i giornalisti è ovvio quanto diventi dovere deontologico ancor prima che etico, morale e civile. Una delle dimostrazioni più plastiche è la tristissima vicenda della commessa Akrea andata ad appannaggio del compagno/marito della Consigliera Venneri (per un importo tragicomicamente vicino ai 7mila euro dell’oggi). Abbiamo prima cercato di raccontarlo con l’ausilio dei protagonisti, che si sono rifiutati anche solo di cercare di comprendere come l’assoluta inopportunità (di certo condita da mancanza assoluta di trasparenza se non di liceità) di quel provvedimento, riguardasse l’impiego di soldi pubblici verso l’esterno nel mentre si licenziava e/o metteva in cassa integrazione lavoratori che avevano tra l’altro dimostrato di essere più che utili (e pure legittimi) al ciclo produttivo pubblico. Abbiamo anche cercato di abbassare più volte toni e centellinare gli interventi agli argomenti più delicati ed importanti: uno su tutti sugli asili nido che aprono (forse) solo oggi all’Immacolata. Abbiamo comunque continuato a parlare ed incontrare; abbiamo pure accolto Filiberto (e contemporaneamente salutato l’uscita di Cretella) con garbo ed attenzione ad alcuni aspetti più prettamente tecnici che sono stati puntualmente scambiati per intromissione ed allusioni: “poi se a Procolo (senza usare nemmeno il più basilare degli elementi di buona educazione) non sta bene, può sempre andare al terzo piano del tribunale” mi ha risposto ad una domanda in conferenza stampa l’avvocato delle aziende appena assunto in Comune. Non ce la siamo presa, li abbiamo conosciuti: non sono “cattivi”, sono proprio scogniti!

    Fra questi ultimi, ci metto certamente la mia cara amica Floriana Mungari; se vorrà querelarmi perché la chiamo ignorante (amministrativamente parlando) potrà avere tutte le ragioni di questo mondo, testimonierò a Suo favore. Si perché sono certo che quando sarà in grado di comprendere che c’è qualcuno che ha innanzitutto “partorito” atti illegittimi come determine dirigenziali senza che fosse pubblicata la delibera che ne è fonte legale, sono certo che si arrabbierà di certo. E parliamo delle determine  appunto numero2083 (qui leggibile come DeterminaPROLOCO) e numero2079 (qui leggibile come DeterminaSORGENTE) del 7 dicembre 2021 emesse e rese escutive prima della pubblicazione della delibera di DeliberadiGiunta_352 pubblicata e dunque eseguibile “solo” ieri 9 dicembre (leggetela qua DeliberadiGiunta_352). Vedi cara Floriana e carissimi amici della Sorgente delle Arti, questo “problemino” è una gravissima illegittimità amministrativa, di certo non una semplice formalità non assolta. Ed uno dei perché sta proprio nella topica delle topiche (e nelle conseguenti pezze a colori annesse e connesse) esplicate nella stessa delibera, e, senza averla letta ancora, lo abbiamo pure spiegato nella diretta di ieri assieme al dottor Saverio Marafioti. Vedi cara Floriana, e molto poco caro e tanto “tamarro” quanto molto più ignorante Alessandro Manica, potete leggere questa delibera e comprendere che i fondi utilizzati per Sorgente delle Arti e Proloco per favole e Babbo Natale erano (e secondo noi sono ancora) fondi destinati INVECE per le politiche della famiglia mediante l’offerta di opportunità educative per il potenziamento dei centri estivi, dei servizi socio-educativi territoriali e dei centri con funzione educativa e ricreativa destinati alle attività dei minori. Sono certo che per quanto tamarro tu sia, già Presidente della Commissione Servizi Sociali ed ancora Consigliere Comunale Alessandro Manica, avresti sollecitato “l’uso” di questi soldi in altra maniera, se avessi avuto la voglia di saperne l’esistenza. Sono altresì certo che entrambi Floriana ed Alessandro sareste stati al fianco di chi ne avrebbe reclamato l’impiego al quartiere Gesù, piuttosto che a San Francesco ed ai trecento alloggi; sono certo che avreste pure trovato il modo di coinvolgere Sorgente delle Arti (il coro ovviamente) e tantissime altre realtà a Voi vicine e o coincidenti, suonandoci e cantandoci gratis; lo avete sempre dimostrato. Lo avreste fatto all’interno di uno o più progetti MAI gestibili da voi o da Dalila Venneri. Sapete perché? Perché per pensare e realizzare progetti educativi di questa complessità è necessario coinvolgere soggetti professionalmente adeguati e con comprovata esperienza! Voi avete (tutti e tutti assieme) la grandissima responsabilità di non aver saputo sollecitare ed incalzare l’Assessora Filly Pollinzi a spenderli TUTTI QUESTI SOLDI NON SPESI A QUALCHE GIORNO DALLA LORO SCADENZA. Si perché in questa benedetta delibera (la 352 qui più volte allegata) la pezza che è stata cercata di mettere (nemmeno tanto a colori) è sul fatto che dei 196mila e passa euro, ne sono stati spesi solo poco più di 22mila. La pezza che nessuno potrà mettere più, è quella su come il dottor Marano abbia pensato di affidare direttamente 7mila e 28mila (e rotti) euri a Sorgente delle Arti e Proloco per feste e favole natalizie, visto che la stessa delibera diceva tutt’altro (e perdonerete, ma ve lo leggete da soli, ora a cosa li destinavano…) Anzi andate a leggervelo assieme allo scienziato (politicamente parlando) di Andrea Arcuri il megaleadermaximo con l’alito(sempreesoloquello) più pulito di tutti. Con lui ed assieme a tutti gli stanchi (se non troppo) andate a farvi un corso di diritto amministrativo senza gettoni di presenza; perché altrimenti tutti e tutti assieme rimarrete alla storia come “consiglieri da 4 spiccioli…” pure sottratti alle famiglie. Anche perché, statene certi, che così come è stato già letto da Vostri colleghi di maggioranza che vi hanno richiamato a Toqueville, nel frattempo sono certo che saranno costretti ad andarselo a leggere tanti inquirenti e qualche magistrato (oltre anche a quelli di minoranza esprissisi anche loro). Nel frattempo buone feste a tutti, anche agli avvocati delle cause perse che vorranno querelarmi, avremo schiena dritta e ragioni, anche per loro e, permettetemi, tanti auguri ai fantastici interpreti di Sorgente delle Arti e dello Shining Voices Gospel Choir: a loro voglio fare gli auguri attraverso un pensiero di un grande, proprio ieri rammentatoci dal Maestro Vincenzo Leto: «Se riuscissimo a metterci nei panni degli altri, tanto da sentire gli altri come se fossimo noi, non avremmo bisogno di regole, di leggi.» Tranquilli, a tutti gli altri, siamo certi che insisteranno col difendere e contrattaccare: sono pure spassosi… …non giocassero con cose di una importanza incredibile, oltre a rischiare di farci arrivare un’altra Costantino….

    Più informazioni su