Quantcast

“Analisi politiche senza obbiettività”

I coordinatori di Forza Italia replicano a Santacroce.

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

Restiamo esterrefatti nel leggere alcune analisi politiche, che esulano dalla realtà ma anzi, dettate da un’assente obiettività e reiterato pregiudizio verso una realtà, quella crotonese, che, probabilmente, si conosce poco. Considerazioni che senza dubbio offendono un’intera provincia, la stessa che, da un anno a questa parte, cerca di riappropriarsi della propria dignità politica, più volte vituperata da alcuni soggetti il cui spiccato atteggiamento di protagonismo, invidia e mania di potere non trova più terreno fertile all’interno di un modo tutto nuovo di fare politica, il nostro, in cui il bene del territorio e la sua centralità sono i pilastri valoriali dai quali non si prescinde al fine di formare una nuova e sana classe dirigente. La nota inviata dal sig Santacroce, a cui intendiamo rivolgere la nostra replica, fa un’analisi sconnessa dell’attività politica nella provincia di Crotone, il sig Frank Santacroce, candidato con Forza Italia alle ultime elezioni regionali, pensa di dare pagelle di buona politica definendo “risultati negativi” le competizioni elettorali comunali avvenute nell’autunno appena trascorso, e rivolgendo il suo “dissenso” anche alla provincia di Catanzaro. In tal senso è il caso di rammentare al suddetto avv Santacroce, la cui versione denuncia evidentemente una scarsa documentazione sui fatti, che il centro destra unito, contrariamente alla tendenza degli ultimi 20 anni, ha inteso presentarsi alle ultime competizioni elettorali a Crotone, raggruppando tutti i partiti e le liste civiche che gravitano nell’area di centro destra. Un modus operandi che segna una svolta politica e che porta la firma del coordinatore provinciale e deputato On. Sergio Torromino. Successo decretato anche nei paesi limitrofi in cui le competizioni elettorali hanno visto le liste civiche riconducibili al centro destra conquistare il consenso.
Contrariamente a quanto affermato dal sig Santacroce, non abbiamo tracce negli ultimi anni invece della sua attività politica se non aver accertato che lo stesso, alle regionali del 2014 votò l’On. Ciconte, autorevole esponente del centro sinistra.

Se una critica a questa punto deve essere mossa alla conduzione di FI è quella che prima di proferire meriti ad alcuni soggetti, a noi sconosciuti, ne andrebbe valutata sino in fondo la coerenza. Per dovizia di particolari è bene ricordare che grazie al fattivo operato dell’On. Sergio Torromino il partito di Forza Italia è diventato la prima forza politica Provinciale registrando alle ultime competizioni elettorali il 12,20% di consensi solo nel comune di Crotone. Visti i successi e i meriti traguardi raggiunti non intendiamo permettere a qualsivoglia soggetto di avanzare considerazioni pretestuose e con la ingannevole e saccente pretesa di designare potenziali figure per la direzione del partito. Anzi, teniamo a precisare che la provincia di Crotone può contare sull’autorevolezza di una classe dirigente leale che ha come principi cardine e prioritari la legalità, la trasparenza e il bene collettivo. Il nostro è un partito sano, coeso, fatto di personalità con spiccato valore etico e morale, determinato a portare avanti i principi cardine intrinsechi nel nostro essere, la legalità è il nostro punto cardine. Siamo aperti al confronto e pronti ad abbracciare tutti quanti vorranno entrare a far parte della nostra grande famiglia, tutti coloro i quali abbiano i nostri stessi principi, requisito imprescindibile

Luigi Lidonnici – Vice Coordinatore Provinciale
Teresa Ferrazzo – Mesoraca
Carmela Maiolo – Isola di Capo Rizzuto
Teresa Procopio – Belvedere
Giuseppe Rizzo – Strongoli
Luigi Aiello – Crucoli
Gino Carvelli direttivo –  Petilia Policastro
Pasquale Loria – Caccuri

Più informazioni su