Quantcast

Parco eolico Timpe Muzzunetti: “la proposta progettuale resta irricevibile”

Corrado: "la Regione Calabria è invitata a rivedere in autotutela l’Autorizzazione Unica".

Più informazioni su

Riceviamo e Pubblichiamo:

A proposito del parco eolico “Timpe Muzzunetti”, per la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio (Sabap) per le province di Catanzaro e Crotone la proposta progettuale resta irricevibile ed anzi la Regione Calabria è invitata a rivedere in autotutela l’Autorizzazione Unica di cui al D.D.G. n. 23456 del 15 dicembre 2009 e tutti gli atti prodotti successivamente sulla scorta di quella, nonché le opere avviate da fine marzo 2021. Questo, in estrema sintesi, il contenuto del parere di motivato dissenso alla realizzazione dell’impianto eolico che la suddetta Soprintendenza ha inviato al Dipartimento Ambiente e Territorio, alla Provincia di Crotone e al Comune di Cirò Marina. L’ha fatto entro i 30 giorni imposti da una sorta di ultimatum che l’ufficio regionale le aveva inviato il 28 maggio u.s., dopo avere scritto nella bozza del verbale conclusivo della Conferenza dei Servizi del 18 marzo di avere registrato l’assenza di pareri negativi da parte dei convenuti ma omettendo di alludere alla irricevibilità ufficialmente dichiarata dall’ufficio territoriale di tutela del Ministero della Cultura, in quella come nella precedente C.d.S. (09.02.2021).

L’avvicendamento recente alla guida della Sabap che ha sede a Crotone, per cui dal 16 giugno alla dott.ssa Francesca Casule è subentrato il dott. Fabrizio Sudano (anch’egli ad interim), direttore anche dell’omologo ufficio di Cosenza, non ha prodotto, dunque, come si poteva temere, un temporaneo rallentamento dell’attività istituzionale di tutela. Il soprintendente Sudano ha infatti ereditato, con molte altre, anche la delicata questione cirotana e, complice la perizia tecnica del personale dell’ufficio, ha potuto tempestivamente respingere al mittente le pretese illegittime della Regione. Nel merito, la nota della Sabap identifica e pone all’attenzione degli interlocutori una serie di incongruenze dell’iter amministrativo avviato nel 2009, compresa l’assenza di alcun nulla osta paesaggistico della stessa Soprintendenza (mai richiesto e mai reso), che dunque la Sabap non poteva rendere a posteriori, come richiestole dal Dipartimento Ambiente e Territorio a maggio scorso. E ancora: la mancata trasmissione dell’autorizzazione del 2014 a modifiche non sostanziali e la mancata certificazione da parte del Comune della destinazione urbanistica, nonché degli eventuali vincoli tutori/inibitori e specialmente degli usi civici ricadenti nelle aree interessate dagli aerogeneratori, da ultimo ridotti a 4 ma incrementati in altezza (180 m). La difesa del paesaggio agrario storico ha, in quest’ultima tipologia di vincoli, uno strumento prezioso. Soprattutto, però, rileva l’assenza, negli elaborati progettuali, della indispensabile “Relazione Paesaggistica”, richiesta dal DPCM 12 dicembre 2015 per la valutazione della compatibilità paesaggistica degli interventi, in mancanza della quale la Sabap si vede costretta ad escludere anche la possibilità di valutare soluzioni alternative. Mi compiaccio che la difesa dell’integrità del paesaggio, interesse costituzionale dichiarato, ma anche della sua qualità, finalmente riconosciuta come bene prezioso dalla popolazione di un territorio che con crescente consapevolezza e intraprendenza valorizza le proprie caratteristiche e le proprie risorse, abbia trovato nel Ministero deputato il coraggio e la determinazione necessari per far valere il rispetto delle norme vigenti e dell’interesse collettivo.

Margherita Corrado (Senato, AC) – Commissione Cultura

Più informazioni su