Quantcast

Crotone ha imboccato una deriva isolazionista e demagogica

Le Rose consigliera comunale di Forza Italia interviene a proposito della singolare posizione del sindaco Voce sull’apertura delle scuola

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo:

Potremmo ritenere l’ultimo comunicato prodotto da alcuni ( mancano Reggio C. Vibo Valentia, Gioia Tauro, Locri ed altri ancora ) fra i Sindaci delle Città più popolose, una sorta di “Soccorso Rosso / Fucsia” portato al Sindaco Voce. Quest’ultima posizione, tuttavia, non toglie singolarità alla decisione assunta dal Sindaco della Città di Crotone in solitudine rispetto all’Assemblea dei Sindaci che egli dovrebbe presiedere. E l’atto in sé produce ulteriori elementi divisivi con gli altri livelli istituzionali, prima fra tutte l’Amministrazione Provinciale di recente eletta e la cui gravità, istituzionale e politica, si commenta da sola. Per la prima volta il Comune capoluogo si distingue dalla totalità dei Comuni della Provincia e in aperto contrasto con il neo Presidente Sergio Ferrari. La decisione assunta, rinviare di qualche giorno, appena una settimana, la riapertura delle scuole aveva la ragionevole e prudenziale motivazione di contenimento del contagio , attesa l’impennata dei contagi e appurata la rapidità di trasmissione del virus. Tra l’altro, giova ricordare che il CTS ( comitato tecnico scientifico) prevede l’impennata di contagi nelle prossime due settimane e quindi il prolungamento delle vacanze natalizie avrebbe avuto l’accorgimento di non provocare assembramenti nei pullman, nelle aule e nei centri di arrivo delle centinaia di studenti dai Comuni della Provincia. Periodo cautelativo che se anche dovesse essere procrastinato verrebbe recuperato allungando il termine di chiusura dell’anno scolastico o utilizzando il tempo pieno. Siamo in emergenza e quindi pronti a qualsiasi atto straordinario pur di garantire diritto alla salute e allo studio. Risibile e anche capzioso sventolare ipotetici ricorsi al TAR fasciandosi la testa ancora prima di rompersela. Il Presidente Occhiuto ha lasciato libertà agli Enti Locali rispettoso delle loro prerogative. Ha tempestivamente aumentato le terapie intensive e solo per questo la Calabria continua ad essere in zona gialla. Purtroppo è da tempo che la Città di Crotone ha imboccato una deriva isolazionista e demagogica da fare invidia al peggiore e più sciatto populismo. Confidiamo nel Presidente Ferrari e nel Governatore della Calabria On. Occhiuto e nelle loro linee guida e programmatiche per garantire una prospettiva da protagonista e di leadership della Città Capoluogo che non merita il ruolo “periferico” che ha immaginato e che persegue questa amministrazione Comunale.

Alessia Le Rose
consigliere comunale Forza Italia

Più informazioni su