Quantcast

Poca lucidità e con la Fidelis Andria arriva solo un pareggio

Finisce con un pareggio tutto sommato giusto, che rispecchi i valori visti in campo.

Più informazioni su

Pareggio giusto, ma che lascia con l’amaro in bocca. Una partita avvincente, ma che la Pallamano Crotone poteva fare sua se avesse avuto una maggiore lucidità specie davanti e nei minuti finali. Bella squadra la Fidelis Andria che mette in campo tanta freschezza, ma anche un pizzico di inesperienza. Partita decisamente equilibrata e non poteva essere altrimenti fra due squadre aggressive e che fanno del dinamismo, in particolare delle ripartenze veloci, le loro peculiarità. La giovane Fidelis Andria se la gioca con una difesa aggressiva ma forse un po’ troppo alta e che lascia spazi che i terzini pitagorici sfruttano a dovere. Bravissimi ad entrare un po’ meno nel tiro. La percentuale delle conclusioni realizzate è infatti un troppo bassa, mentre è alta quella dei palloni regalati con errori di gioco evitabilissimi.
La partita si gioca punto a punto e la Pallamano Crotone si porta in vantaggio per la prima volta dopo otto minuti. In questa fase di gioco la squadra è più attenta e concentrata, crea i presupposti per spaccare la partita e avere un vantaggio rassicurante, ma i troppi errori al tiro la penalizzano. La Fidelis Andria prende così coraggio e si rifà sotto, si porta in vantaggio ma i padroni di casa trovano l’importante gol del pareggio e chiudono la prima frazione di gioco a pari merito. Cosa non certo di poco conto. Sale in cattedra Lonetto che al rientro in campo sigla quattro reti consecutive, ma dall’altra parte ci pensa Guglielmi a tenere in partita i suoi, sono loro i protagonisti dell’avvio della seconda frazione di gioco, anche se questi minuti ricalcano quelli precedenti. Gli ospiti aumentano i giri l’agonismo aumenta e la lucidità della Pallamano Crotone cala. Ora è la Fidelis che prova a fare la lepre e gli avversari ad inseguire, finale lo stesso: risultato in parità.
Se il risultato resta basso è anche grazie ai portieri che parano quello che c’è da parare facendo la differenza. Lo Guarro con i suoi interventi chiude ogni buco e la Fidelis non va oltre. I minuti finali sono convulsi, i padroni di casa hanno il pallone della vittoria, ma vanno al tiro con un secondo di ritardo. Finisce in pareggio tutto sommato un risultato che rispecchi i valori visti in campo.

Pallamano Crotone – Fidelis Andria: 25 – 25   (risultato pt: 13 – 13)

PALLAMANO CROTONE: Lo Guarro 1, Perri 1, Mariano 8, Nesputo 1, Gentile 3, Calabrese 6, Caristo, Scicchitano, Riganello, Lonetto 5, Giaquinta, Lucente, Vrenna, Berlingeri, Menzano, Malena. All.: Cusato.
FIDELIS ANDRIA: Palmisano, Zagaria A. 3, Marmo 8, Di Liddo, Guglielmi 9, Sipone, Cavaliere 2, Del Giudice 1, Leonetti 2, Di Trani, D’Ettole, Giorgio, Pistillo, Zagaria E., Tattolo. All.: Colasuonno.
ARBITRI: Formisano e Sarno di Napoli

 

Più informazioni su